Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 40
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.15
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.21
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.26
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.27
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0122
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0122
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
40

TO CLEMENTE VII

d.ni n.ri Jesu Christi et ornamentis dicti ensis — fl. 150.

- Ibid., fol. 208.

1524, 30 novembre. - D. 300 alli Strozzi per
conto della ehrocie di Xpollo di Valerio Vinetiano
(sic) (tre altri pagamenti, ascendenti alla somma com-
plessiva di 500 ducati). — Archivi di Stato di Firenze,
n. 327, ff. 10, 18, 20, 21.

1524, 5 dicembre. — Due. ducentos quindecim ad
bonum computum cathene auree quanti Sanctitas Sua
dono dedit d.no Simoni Tornabono Senatori di Roma.
_ A. S. V. 1523-1524 fol. 215 v.°

1524, 21 dicembre. — Spesi per tre zafìri che si
dono al Reverendo Datario e al veschovo Felice, e
l'altro allo arciveschovo di Ravenna, in tutto du-
chatti cento venti otto d'oro di Camera. — T. S. 1523-

1527, fol. 08 v°.

1524, 28 dicembre. — Per tre medaglie che si
dono, una al S. Alesandro de Medici, e l'altra a
Cosmino de' Medici, e al S. Lion de Orsino, che in
tuto si pesi duchatti cin. quatro d'oro di camera. —
Ibid.

1524, 31 dicembre. — D. ciento d'oro pagliati alli
Bini di Roma per parte d'uno zaphyro d. 100 (totale
500 d.) Arch. di Stato di Firenze, n. 327, ff. 18, 23.

1525 (y. s. 1521), 10 gennaio. — E a di detto
spesi per una crocetta di diamanti ligata in oro
corno unna perla pera duchatti settanta di Camera
qualli si compro per dare la manci[a] alla putinna
del S. Alberto di Arpi. — T. S. 1523-1527, fol. 69.

1525, 18 gennaio. — Per unno rubino in tavola
per uno anello per dare al conte Ludovicho Rongono
duchatti centocinquanta. — Ibid.

1525, 15 aprile. — Dati alla donna che fu da
mastro Agnolo f. oreffeci duchatti dieci di Camera
per limosina. — Ibid., fol. 73.

1525, 27 maggio. — A Rafaello orefficio per
una catenna e Ha manifatura e collo a conciatura
d'unna barba (?) duchatti quatro. — Ibid., fol. 74 v°.

1525, 31 luglio. — (Al medesimo) per unno zaflro
forato servi per la rosa ... duchatti undeci di c. — Ibid.

1525, 20 agosto. — D. 25 pagati a Cherubino del-
l'Orologio. — Arch. di Stato di Firenze, S. M. N. n° 327,
fol. 33.

1525, 31 agosto. — (Al medesimo) per la ligatura
di dna diamanti che si hebano dal merchaletto e l'oro
in tuto duchatti vinticinque... e più per la ligaturà
per uno smiraldo e oro che si dono alla donna di
ms. Zanobbio de Medici... in tutto duch. trenta. —
Ibid., fol. 78 v°.

1525, 31 agosto. — Pagato al ditto Rafaello du-
chatti trenta di camera per uno zafiro ligato in uno
anello qual si dono al cardinale di Triulcio.

1525, 30 ottobre. — Dati a Piero Maria e fra
Justin che feceno le lettere a novi vasi, cioè cristalli,
agata e diaspri, a duchatti dna l'uno, in tuto duchatti
diciotto, restano pagati di tuti = d. 18. — T. S. 1523-
1528, fol. 80.

1525, 24 novembre. — A Rafaello oreffeci (sic)
duchatti trenta di C. per unna coronila de lapis la-
zari con signacholi d'oro che si dono al ducha d'Atri.
— fol. 81.

152G, 8 marzo. — A Gampietro (sic.) de Carpani
orefice d. 150 d'oro d. C.... a buon conto sopra la rosa
d'oro che si dona nella domenica della Rosa. —
1527, 20 aprile. Al medesimo : 79 d. 10 per saldo. —
Arch. di Stato di Firenze, n. 331, fol. 10.

1526, 21 marzo. — « Jacobus Mauri napolitani^
aurifex » salvocoadotto per cagione dei suoi credi-
ditori. — Ibid., fol. 37.

1526, 21 aprile. — Silvestro oreffeci (sic) per
costo d'uno robino che si dono alla consorte di Ni-
cholo de Medeci duchatti cento d'oro di camara pa-
gati per ordine delli Strozzi. — T. S. 1523-1527, fol. 87.

1526, 28 aprile. — 100 d. d'oro larghi pagati a
Bernardo Bracci per rimetterli a Firenze a Bart. di
Berrardo Gondi per una crocie di cristallo comperata
da lui. = d. 102. 10. — Ibid., fol. 50.

1526, 19 luglio. — D. 200 a Lorenzo Gondi per
ordine di Jac. Salviati per comperare argento per
fornire la croce di cristallo di St0 Lorenzo. — Ibid.,
fol. 59.

1526, 31 luglio. — A mastro Giovan Piero oref-
feci per tre pietre e per la manifatura de ditte spi-
lette e l'oro, in tuto computato le pietre in tuto
duchatti vintitre e baiocchi sesantacinque. — T. S.
1523-1527, fol. 90 v° (Bertolotti, artisti lombardi,
t. I, p. 286).

1526, 19 dicembre — Pro m° Cherubino Mutinen.
horologierio S. D. N. mandatur Strotiis ut ei solvant
due. quatuor auri cam. prò ejus solita provisione
mensis X.bris presentis. — M. 1527, fol. 185.

1527, 22 febbraio. — Pro d.no Cherubino de
Horganis (?) clerico Regien. horologii palatii mag.ro
mandatur Dominico Boninsegnio civi fiorentino ut sol-
vat eidem due. duodecim auri de cam. ad X jul. prò
due. prò sua solita mercede trium mensium, vid
X.bris, januarii et presentis februarii. — Ibid. fol, 197

1527, 28 febbraio. — Pro mag.ro Jo. Petro de Car-
panis auriftee mandatur Strotiis (etc.) ut ei solvant
ducatos centum quinquaginta de jul. X prò ducato
ad bonum computum pretii rose auree in dominica
de rosa per S. D. N. donari consueta. M. 1527, fo 1
197 v°. (Bertolotti, artisti lombardi, t. I, p. 296).

1527, 20 marzo. — Monetur Martinus aurifèx et
sua uxor quatenus infra 3 dies debeant omnia bona
mobilia et immobilia ad quondam Simonem de Maris
dum vixit Leonis X coquum secretimi spectantia et
oh defectum hereditatis Camere apostolice devoluta
D. Sebastiano de Ancona commissario apostolico con-
signent (consigliare], etc. — M. 1527 B, fol. 38. cf.
fol. 38 v°.

1527, 29 marzo. — D. 823... per una catena d'oro
donata al s.or Rossello imbasciatore inghilese e d. 177
loading ...