Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 56
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.26
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.27
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0142
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0142
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
56

GIAN CRISTOFORO ROMANO

sappiamo intorno quell'opera solenne, fuorché nel 1494, di gennaio, fu inviato con disegni a Car-
rara mastro Jacobino de Boni per iscegliere marmi, anche per la perfezione del sepolcro di
Gian Galeazzo.1

Dal 1491 al 1497 è probabile che Gian Cristoforo ricevesse altre commissioni, tanto più che

BASSORILIEVO DEL MONUMENTO DI GIAN GALEAZZO VISCONTI

Sabba de Castiglione afferma come si vedessero molti lavoì'i di sua mano in Milano; e il Lo-
mazzo così lo ricordò ne' suoi Sonetti grotteschi:

Alzar Tullio Lombardo o Agostin Busto
Con Giovanni Cristoforo Romano
La scoltura a tal colmo entro Milano
Che poi diede di sè mirabil gusto.

1 Magenta, / Visconti e gli Sforza nel castello di Pavia. Milano, Hoopli, 1883, voi. 2°, p. 60.
loading ...