Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 83
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.26
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.31
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0169
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0169
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
NUOVI DOCUMENTI

83

Allo parole del Rubbiani aggiungeremo che siamo
molto propensi a quest'ultima ipotesi, perchè l'insistenza
noi chiamar bresciano l'architetto di S. Francesco non
può essere nel Ghirardacci cervellotica. La chiesa fu
cominciata fra il 1245 e il 1250, negli anni precisa-
mente in cui appare e si ripete il nome di Giovanni
da Brescia. A questo proposito pertanto pubblichiamo
oggi un prezioso documento, forse il più interessante
relativo a queir inzignero, ove, oltre che di lui, si fa
menzione d'un altro artista o mastro bresciano Beolayti
filius quondam errichi de blamchis. La trascrizione
dell'atto fu fatta e ci fu favorita dal eh. canonico Luigi
Breventani.

C. R.

Documento conservato ne LI' Archivio di Stato di Bo-
logna, Sezione Bemaniale 5\3766 Monache di
S. Mattia caps. B. Pergamena alta 165 mrn. lunga
180 mm. con a tergo l'indicazione seguente:
« 1257, 17 No a. Pagamento fatto dalla Priora di
S. Ma. del monte della Guardia, e di S. Mattia di
L. 20 a G-io. da Bressa. Libro B. »

Anno Domini Millesimo ducentesimo quinquagesimo
septimo, die terciodecimo exeunte Novembri, Indictione
quintadecima, apud locum dominarum sancti mathio
positi extra circlam saragotie bononiensis diocesis. Pre-
sentibus Cuinigerio filio quondam Johannis qui fuit de
pragatuli qui stat in burgo sancte Catherine, domino
Ugolino agreste notario, et letho de plebe hychi filio
quondam martini, testibus rogatis et vocatis. — Do-
mina Ballena dei grafia priorissa ecclesiarum sancte
marie mentis guardie et Sancti mathie predicti, prò se
suisque in dictis locis et ecclesiis successoribus, corani
me notario et dictis testibus, Solvit et tradidit Magistro
Johanni de brixia ingignerio viginti libras bononenorum
quas ipsa domina et domina docta subtuspriorissa do-
minarum dicti loci sancti mathie dare et solvere tene-
bantur eidem magistro Johanni ex laudo facto per do-
minimi Johannem priorem sanctorum victoris et Johan-
nis in monte, Scripto manu Guidonis quondam boni-
fantini notarii et prò quamtitate pecunie secundum
formam dicti laudi. Antedictus magister Johannes et
Beolayti filius quondam errichi de blamchis qui fuit
de brixia et mine moratur in burgo sancti petronii,
per se et eorum heredes stipulantes promiserunt, qui-
libet eorum in solidum, dictam solutionem firmam et
ratam habere et tenere in perpetuimi, et quod deinceps
de dieta quamtitate pecunie, et nec de quantitate tri-
ginta trium librarum bononenorum quas idem magister
Johannes ab ipsis petebat, ipsis dominabus nec earum
successoribus nec capitulo, litem nec controversiam mo-
vebit por se vel alium, Et Se facturos et curaturos ita
quod nullus alius super ipsis trigintatribus libris bonone-
norum ipsas nec earum successores in causam trahet
nec molestabit, ot nec litem nec controversiam eis rao-
vobit, Et si aliquis contra faceret vel venirot, ipsas
dominas et earum successores conservare indempnes, et

orano dampnum et expensas quas patcrentur et facerent
eis integralitor reficere. Et hoc sub pena diete quam-
titatis dupli, et obligatione eorum honorum in quolibet
et prò quolibet capitulo, et dampnorum et oxponsarum
refectiono, et pena confissa in quolibet capitulo, et so-
luta, omnia firma permaneant. Renuntiantes non habite
tradite et non numerato pecunie exceptioni, epistole
divi adriani, novarum constitutionum beneficio, fori
prescriptionis et omni logum auxilio.

7 Ego philippus notarius olim alberti calzolarii
filius interfui ot rogatus s. s.

Cola dell'Amatrice a Norcia1

1537, 23 giugno. — I deputati della città e del
contado di Norcia super edificationem lacus inter saxa
Biselli et Argentini, avvisati della venuta dell'archi-
tetto m.° Cola dell'Amatrice, che vuol costruire dotto laco,
deliberano star fermi al capitolato, e pattuire con lui
anzi che con altri.

(Ardi, comun. di Norcia. — Consil. an. 1537, c. 117)

1537, 25 giugno. — Il comune di Norcia alloga a
m.° Cola Filostesio l'opera del lago da farsi tra le rupi
di Biselli e Argentini con gl'infrascritti patti e capitoli:

In primis che epso m.° Cola sia tenuto et obligato
fundare et fare lo muro in lo strecto de Biselli, intra
l'ima ot l'altra ripa si bone fundato, gagliardo et forte
che sia stabile fermo et resista alla forza et premito
de l'acqua, et pianare cura tucto provisioni cautela in-
gegno che tale fabrica, loco et caso recercha, et che
serrato serra, faccia laco et stagno infino allo collecello
dove apresso alla fiomata principia la via che va in
la valle de sancto Vincentio ot salle per epsa valle su
in la via che va al castello de Biselli. Et sia si bene
dicto muro fabbricato che l'aqua da nisciuna banda
possa scappare per ipsa fabrica, et loco vicino ad epsa
per meza canna, alla canna del comune de Norscia, se
non sopra la summità de epso muro. Et dare lo exito
all'aqua elio escie da dicto laco ot stagno per tale
modo ot via, cho le fondamenta sempre se preserveno
inlese et sensa damno et preiudicio alcuno, ad rosico,
pericolo et fortuna de epso m.° Cola, et debia tale fa-
brica expedire infra dui anni ad tucto et singole sue
spose, fatigha, ingegno, fornimenti, magistri et operarli.

Item possa epso m.° Cola tagliare lename et mecterlo
in opera sensa alcuno pagamento de quello stesse in la
valle, ot vonesse da essere soffocato dal dicto laco, et
prohibere lo quilunqua lo volesse tagliare o tagliato
levare, ma tagliandolo altrove sia obligato pagarlo ad
iudicio de dui homini, uno da olegerse por li patroni,
ot l'altro da dicto m.° Cola, et essondo impedito in
quello tagliasse in dieta valle comò de sopra, la comu-
nità lo debia defendere, o pagarlo.

1 Altri documenti su Cola pubblicai nel Giornale d"erudizione
artistica, voi. I, p. 134 e 136.
loading ...