Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 133
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.36
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.41
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0223
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0223
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
E. MUNTZ

183

bollatica in platea prima a c. 237 o da Copia di esso
parimente in dotta platea prima a c. 235 et in vigore
di detto breve fin da detto tempo fabricorono detta
Chiesa e si dico in detto statuto a detto proemio 2 a
c. 13 a c. 21.

Li 6 Xbre havendo dovuti li S.S.ri Rafaole, Casali, e
Mario Millini d'ordine della S.tà di Nostro Sig.re ridu...
a dritta linea le strade publiche di Roma e perciò in
più e diverse parti di quella demolire caso, et ediflcij
sacri, e volendo questi nella strada dell'Ai mata quella
ridurre a strada publica questi con Auttòrità dell' loro
officio fecero demolire la sudetta nostra Chiesa, che
prima minacciar ruina in parte era, diroccata assieme
con un orto contiguo alla medema, con cedere a favore
della nostra Università altro sito in numero di 7 per
poter ivi fabricare altra Chiesa, sicome di tal fatto si
raccoglie da istromento di tal concessione sotto detto
giorno, ot anno rogato per l'atti di Stefano de Amp...
no taro publico registrato in nostro Archivio al libro
primo d'istromenti a.... e da altro publico di esso in
carta pergamena e Cop.a in platea prima a c. 445-448.

Concessione di nuovo sito fatto da Michel Angelo
Casali a favore di nostra Università per fabricarri
la nuova Chiesa.

Essendo che la nostra Università doppo haver pa-
tito un tanto incommodo di vedersi demolita la sua
Chiesa, e respettivamente vedersi in luogo di quella un
sito nudo, essendo andata, pensando in che forma in
quello havesse possuto fabricarvi la nuova Chiesa, ma
non havendo in quello trovato sito commodo per detta
nuova reedificatione, risolvè di pigliare a Canone dal
sud.0 Mro Angelo Casali un pezzo di sito fraposto a
quelli della nostra Università, nel quale credeva potervi
fabricare con più decoro et honore d'Iddio la nova
chiesa siccome segui; la onde havendo fatto istanza
presso detto Casali per dotta concessione, il medemo
gli concedè detto sito a Canone siccome di ciò ne costa

per istromento rogato per l'atti di........sotto

li.........a quali........

Adi 10 de Marzo 1531. Io Francesco Casale confesso
haver receputo da M.r Francesco Preolella al presente
camorlengo deli orefici se. sei de K. ad bon conto
per il censo de la chiesia di Santo Eligio in la regola
per il censo del 1530 remetendome al far conto ali 26
de Jugno 1531 che corre l'altro censo de quanto ho
receputo per il pasato; il quale censo sonno se. octo
de K. ; ma elega che so li deve falcar la quarta parte
per vigor de la bolla et in fede del receputo li ho fatta
la presente scritta. (Libro di Entrata et Uscita; fol. 49).

Obligo del muratore di terminare la Fabricha di da
Chiesa. — 1526 A di 24 Luglio, si che havendo hauto
la nostra università detto sito, ot in quello deliberato
farvi fabricare la sua chiesa, si come a mio credere
fin dall'altra havea douto far fabricare, et havendo
quella ridotta a qualche perfettione con non mancarvi

forse altro, che alzarvi sopra la cappella, li consoli di
quel tempo convenero con M.ro Antonio del quondam
Giacomo muratore quale si obligò per tutto li 15 no-
vembre pross.° dare quella perfetionata con obligarsi
all'incontro la nostra università di pagarli scudi 100 in
più partite, o per il resto assegnarli le annue rendite
de' censi e canoni, che la medema di quel tempo csig-
geva, e di presente esigge (da diversi Emfiteusi di case
contigue alla detta chiesa concesse a diversi maestri di
nostra università si come più ampiamente apparisce da
loro statuti in nostro archivio, a quali, come di tale
istromento di assegna ot obligo costa per istromento
sopra di ciò rogato per l'atti di Nicolò Strabballati notaro
publico sotto detto giorno, ot anno registrato in quella

forma al libro primo dell'istromento in num°......

Archiviato a C. . . . e da copia di esso in platea prima
a C. 241: (Archivio di S. Eligio; Protocollo A, fol. 116).

24 Julii 1626. Promissio fabricandi CupqulcCm Ec-
clesiae. In nomine Domini Amen. Anno a nativitate...
millesimo quingentesimo vicesimo sexto, Pontificatus...
Clemontis... Soptimi... mensis Julii die vingesima quarta,
in presentia mei notarii et testium, etc. Constitutus
personaliter magister Antonius quondam Jacobi do Ve-
rolo de Caravagio murator in regione Trivii habitator 1
sponte... promittit et convenit mag.° Leonardo Fantelli
camerario ot constili universitatis aurifabrorum urbis,
mag.° Laurentio de Grossis Januensi, et Gaspari Gallo
tribus ex consulibus... ot Raphaeli quondam Andreae
fiorentino, Francisco de Senis consiliariis... et Mag.0
Alexandro, Johanni Marie de Parma, et Mag° Ambrosio
Inferreri aurificibus presentibus etc... construere ac
construi facerc omnibus ejusdem M.; Antonii sumptibus
et expensis imam Copulam (sic) seu voltam, ac coper-
torium super Ecclesiam sancti Aloij (sic) etc... ad ratio-
nem viginti Carlenorum prò qualibet canna dictae co-
pulae. Praefati consules, camerarius et universitas te-
neantur solvere et cura efFectu pacare ducatos centum
de Carlenis hoc modo, videlicet, nunc presentialiter
ducatos viginti quinque de Carlenis, et alios 25 infra
octo dies et alios 25 in medietate dicti laboreris... et
alios 25 finita et perfecta dieta copula... et prò com-
plemento solutionis..... consules..... assignarunt omnes

census seu respontiones domorum sub proprietate diete

universitatis..... etc. Actum Rome in Regione pontis et

apotheca dicti Mag.ri Leonardi Camerarii, presentibus.....

Francisco quondam Jacobi Alexii Aurifice Romano de
Regione Columne et Mag.1'0 Hicronymo quondam Bor-
tholomei dè Rubeis de civitate Fesulae scultore testibus,
etc. (Archivio di Sant'Eligio, Protoc, B., fol. 241).

Adi 9 di Marzo 1534..... (misura di lavori fatti per

M.° Pietro muratore per la Chiesa degli Orefici, ecc.),
(in fine) Fo fede io Livio in nome de miser Giovan

1 II 11 settembre 1520 Antonio da Caravaggio si era incari-
cato d'eseguire vari lavori nel palazzo Chigi. G. Cugnoni, Ago-
stino Chigi il Magnifico, Roma, 1881, p. 91 e (15.
loading ...