Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 245
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.65
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.66
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0347
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0347
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ADOLFO VENTURI

245

ne dubitiamo, conio anche delle altre del Baruffaldi, il quale al Costa ascrisse una gran tavola
della chiesa degli Angeli, rappresentante una Pietà, e i SS. Sebastiano, Girolamo e Pietro Martire:
tavola di cui si conserva, nella t'accolta Barbi-Cinti in Ferrara, un frammento che non ricorda
in alcun modo il l'are del Costa. 1 Furono attribuite al Costa due pitture esistenti sin da tempo an-
tico a Ferrara, e cioè l'ancona recentemente venduta dai Marchesi Strozzi alla Galleria nazionale

LORENZO COSTA. - RITRATTO DI GIO. II BENTIVOGLIO

(Galleria Pitti ;i Firenze)

di Londra, e il lunettone, che già ne ornava il sommo, nella raccolta Lombardi in Ferrara: e in-
vece entrambe sono evidentemente della mano di Ercole Grandi. Così a questo appartengono due
ligure di Santi, Sebastiano e Rocco, nella colleziono Barbi-Cinti, pure a torto ascritte al Costa. 2
Nella collezione Canonici a Ferrara, che andò in gran parte distrutta da un incendio nel 1032, era
attribuita al pittore una Madonna, col « Puttino in braccio dalla banda dritta, e di dietro gli è

11 frammento della raccolta Barbi-Cinti è indicato come opera del Costa staccata dalla tavola degli Angeli
dal Laderchi (Pitt. ferr. 50), e nelle note del Baruffaldi (t. I, p. 110).
2 V. Crowe e Cavalcaseli^, op. cit.
loading ...