Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 252
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.65
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.66
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0354
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0354
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
252

LORENZO COSTA

secondo racconta il Vasari, fu ritratto dal Costa il marchese Francesco Gonzaga sulla cima d'un
monte alla Eternità consacrato; e in altro quadro lo stesso, su un piedistallo, trionfante, con un
bastone in mano e intorno signori e cortigiani, con istendardi in mano, tutti lieti e pieni di giu-

S. PETRONIO, S. FRANCESCO D'ASSISI E S. TOMMASO D'AQUINO
(Dipinto «li I,oronzo Costa nella Pinacoteca di Bologna)

21 aprile (id.) « La logia de Sta Sebastiano è finita de le liste, le camere se ge lavora continue et seriano
finite se Lorenzo dipinetore non se fusse infirmato. Il cornisone è comincio et ne è facto più del tercio verso
il giardino et come più presto sia in termine il pt0 Lorenzo che '1 possi lavorare faroli dar principo a la faciata
secondo ge ha ordinato V. Ex. » Dobbiamo notare come in quel palazzo lavorasse anche un Mail Costa, secondo
si legge in un documento male trascritto dal Gualandi, e che noi riproduciamo integralmente: « Sp. d. Th.ro de
loading ...