Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 286
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.65
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.71
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.72
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0388
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0388
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
286 CRONACA ARTISTICA CONT RMPOR A NE A

Nell'altro studio citato di A. Bertolotti. trovfl si una La Mostra sarà divisa in tre grandi categorie

lettera ad Isabella d' Este di un segretario del marchese
di Mantova, scritta da Venezia, li '.\ ottobre 1498. in
cui è parola di un carneo simile a quello che fece
comperare Zona. Cr .stoforo alla Ecc."" V. che havea
quello nudino che porgeva un pomo a una maschera.

A. V.

Esposizione di ceramica ed arti affini nel
Museo artistico-industriale in Roma. — Il Con-
siglio direttivo del Museo artistico-industriale in Roma j
ha deliberato di inaugurare nel febbraio dell'anno fu-
turo una IV* Esposizione retrospettiva e contemporanea ;
di ceramica ed arti affini, nel Palazzo di Belle Arti in
via Nazionale. 11 Ministero di agricoltura, industria e
commercio e il Municipio di Roma assumono l'alto pa-
tronato di questa Esposizione, come delle, precedenti di
legni intagliati, di oggetti artistici di metallo, di tes-
suti e merletti.

I. — Figure, vasi, lavori di terracotta per uso do-
mestico e decorativo, dal periodo preromano fino alle
applicazioni moderne.

II. — Maioliche, dai saggi primitivi e dalle opere,
del rinascimento italiano, alle poirei lane, ai biscuits,
ai prodotti delle fabbriche moderne, alle stoviglie, agli
utensili anche di uso comune, purché abbiano pregio
artistico.

III. — Vetri soffiati, vetri di getto, vetri lavorati
a doppio strato, vetri incisi, graffiti invetriate dipinte.
Smalti su oro, su argento, su rame, bisantini, limosini,
traslucidi. Lavori di musaico, a base di smalti di vetro,
romano, bisantino, veneziano.

L'Esposizione promossa dal Consiglio direttivo del Mu-
seo, sarà ordinata da. apposita Commissione esecutiva
da nominarsi dal Sindaco di Roma, Commissione che
si comporrà di cultori di belle arti, di tecnici e di col-
lezionisti. La Commissione esecutiva pubblicherà altre
norme adatte alla felice riuscita della Mostra.

CRONACA ARTISTICA CONTEMPORANEA

SOMMARIO — Le otto statue di re del Palazzo reale a
Napoli — La Commissione artistico-storico-archeo-
logica creata a Firenze pei lavori di riordinamento
del centro di quella città — Commemorazioni fu-
nebri del pittore Luigi Serra, dell'incisore Pietro
Mancion, dello scultore Antonio Etex.

E noto che nel 1885 furono commesse, per
ordine del re Umberto I, ad altrettanti scultori
napolitani, otto statue destinate a riempire gli
otto nicchioni che adornano la Cacciala dello
stupendo palazzo reale di Napoli, rimasti sempre
vuoti, dal 1600, epoca nella quale Domenico
Fontana architettò quella reggia, lino a questi
ultimi giorni. Queste otto statue, che rappresen-
tano altrettanti re delle diverse dinastie che han
signoreggiato in Napoli, da Ruggero Normanno
a Vittorio Emanuele, sono siale terminate da
pochi giorni. S. M. con delicato pensiero aveva
rinunziato al suo diritto di committente di ve-
derne] bozzetti prima della loro definitiva esecu-
zione in marmo; e non aveva neppure permesso

che altri li esaminasse in sua vece, rimettendosi
completamente a tutto (piatito gli otto egregi
artisti avrebbero fallo. Trailo dì fiducia ben
degno del primo gentiluomo d'Italia, cui gli otto
scultori han corrisposto col massimo buon volere
e con l'impegno più grande. Che se a taluno
forse parrà che qualche buon consiglio preven-
tivo non sarebbe per avventura riuscito del tutto
inutile, specialmente in (piatilo si riferisce agli
atteggia melili dati a talune di ([nelle statue, tutti
dovranno riconoscere che la loro esecuzione
nulla, o ben poco, lascia a desiderare. Oli olio
re rappresentati sono Ruggiero Normanno, il
fondatore del regno di Napoli. Federico II di
Svevia, Carlo d'Angió,Alfonso d'Aragona, Carlo V
imperatore e re, Carlo III di Spagna, Murai, e
finalmente Vittorio Emanuele.

Ilo detto degli atteggiament i di talune di queste
staine (die forse non sarebbe sialo inopportuno il
correggere, e aggiungerò (die le mosse del Carlo \
loading ...