Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 391
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.90
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.91
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0505
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0505
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
A. VENTURI

391

cotta dipinta, che furono pure affisse alla porta del Earco. 1 Si potrebbe sospettare che le due teste
eseguite nel 1475 fossero le stesse di cui si parla nel documento del 1476; ma nel 1475 parlasi di
opera già compiuta dallo Sperandio, e gli è sborsato il saldo del suo avere, onde non si potrebbe
spiegare il perchè del posteriore mandato a favor suo di venti fiorini d'oro.

Lo Sperandio è ancora ricordato in un registro estense del 1476, con la qualità di pittore ;2
ed è notizia di lui nelle lettere con cui egli fu ricercato al servizio dai signori di Faenza. Carlo
Manfredi, il 25 maggio 1476, scrisse ad Ercole d'Este, richiedendogli maestro Sperandio per pochi
giorni;3 ed essendogli stato probabilmente concesso, ed avendone conosciuto il valore, l'anno se-
guente rinnovò dimanda per ottenere Sperandio al suo servizio, per valersi di lui, come scultore,
nella cattedrale di Faenza allora in costruzione.4 Il duca accondiscese alla richiesta, e già alli 5 giu-
gno 1477 l'artista si trovava a Faenza. 5 II Malagola pubblicò il rogito con cui Federico Manfredi,
a nome di Carlo suo fratello, stipendiava lo Sperandio, 6 a datare dal 1° di luglio 1477. Promettevasi

merzede dj doe teste dj malmoro dj Sua Sig'a poste ala prinzipale porta del bareno di Sua Signoria per boletino di Mo piero
dj benuignudo e di la generale fatoria............................................................................ L. xiu, S. iu ».

1 Arch. sudd., Camera ducale, Mandati 1476, c. 55.

« Hercules Dux

« Mandato Illmi principis et Exc™1 domini nostri domini herculis Ducis Ferrarie. .. Vos... factores generales eius dari
et solvi faciatis Magistro Sperandeo de Mantua florenos viginti auri prò mercede sua faciendi Jmagines duas prefati lllmi do-
mini nostri ducis depinptas positas et affixas ad portam Barchi sue celsitudinis portando eas pecunias ad expensam.

« Mengus de armis scripsit xx aprilis 1476.

« Paulus Antonius (Trottus) ».

2 Arch. sudd., Camera ducale, Debitori dell'Eoe actoria, 1476, a. c. 31 v.

« Magister Sperandeus de Mantua pictor ....................................................................... L. 2 S. 1 ».

3 Arch. sudd., Principi esteri (Faenza), Carteggio.

«Illustrissime Princeps ac Ex. domine domine maior honorandissime. Priego afectuosamente la V. Ex*'* li piazza per octo
o dieci di compiacermj de M» Spierindio da Mantua et mandarlo qua che mene farà la Illa S. V. apiacere singulare. Ala quale
mi racomando. Faventie xxv Maij MccccLxxvj,

« Karolus S. de Manfredis Faventie &c».

[a tergo] « lllm0 Principi ac Exmo domino domino maiori honorandissimo domino Herculi duci Ferarie Mutine ac Regij Mar-
chioni Estensi et Rodigij Corniti &c ».

4 Arch. sudd., Principi estei'i (Faenza), Carteggio.

« Illustrissime Princeps et Excellentissime domine, domine Singolarissime. Il Reverendissimo Monsignor mio fratello et
mi faciamo far qua la ecclesia catredale, si per honor de dio, cum etiam per hornamento di questa Cita, comò forsi quella
ha potuto intendere. Et perche atal opera ce intraviene multe sculture, et altre figure intagliate di petra: parendomi Maestro
Sperandio molto acto a questa cosa, et disposto aseruirme bene, cum quella sicurtà che cosi mi par poter fare, Prego V. Excel-
lentia accio potiama exeguire questa sancta opera, me voglia far questa gratia, Concedermi ipso Maestro Sperandio che io
el possa tore al mio seruiccio, al quale faro tal tractamento che meritamente hauera da contentarse: et cosi ne prego ipsa Vo-
stra Excellentia cordialmente. La qual prego se degni farmi presto risposta, et ad ipsa me recomando. Faventie[xxi Maij 1477 &c ».

« Karolus S. de Manfredis Faventie &c ».

[a tergo'] «Illustrissimo Principi et Excellentissimo domino Singularissimo domino Herculi Duci ferarie Mutine et Regij, Mai-
chioni Estensi Rodigijque Corniti &c».

5 Arch. sudd., Principi esteri (Faenza), Carteggio.

« Illustrissime et Excellentissime princeps et domine domine Singulaiàssime. Poi che V. Ex» se dignata usarme questa
gentilezza de compiacerme di Maestro Sperandio la priego £tiam me compiazza di questaltra : che tutte le robe sue qual mando
a tore e levare per un mio famiglio la telassi liberamente passare per le terre sue': senza alcun pagamento de datio. qual
cosa V. Exa me farà grato al piacere. Ala quale me ricomando sempre. Faventie va Junij 1477.

« Karolus S. de Manfredis Faventie &c ».

\_a tergo] « Illustrissimo et Ex0 Principi et domino domino Singularissimo domino Herculi Duci Ferarie Mutine et Regij, Mar-
chioni Extensi, Rodigijque Corniti &c ».

6 Lo ripubblichiamo, volendo raccogliere qui tutti gli elementi per lo studio dello Sperandio. Il rogito trovasi nell'ar-
chivio Notarile di Faenza, nei protocolli di Alberto Piccinini, a c. 191 retto e segg. del volume dal 1476 al 1478.

«In Christi Nomine Amen, Anno a nativitate eiusdem m°cccclxxvij1, Indictione x, tempore pontificatus sanctissimi in
christo patris et dominj Sisti divina providentia pape quarti et die septima mensis Iunii, Cum Inter Magnificimi et Reve-
rendum dominum Federicum de Manfredis dignissimum Episcopum Faventie, vice ac nomine Magnifici et potentis dominj
nostrj dominj Caroli de dictis Manfredis Faventie dominj etc. Ex una parte; Et Magistrum Speraindeum quondam Magistri
Bertolomei de Savellis de Roma, olim habitatorem Mantue, et modo Faventie, Ex altera, fuerit tractatum de locando dictum
Magistrum speraindio, et eius operas, cum prefato Magnifico Domino nostro, prò infrascripto termino et tempore, et infra-
loading ...