Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 401
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.90
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.92
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0515
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0515
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D. CtNOLI.

401

dice Dante, del non ver, vera rancura Nascere in chi li vede. Ad aumentare l'effetto della realtà,
imo dei due schiavi lo solleva alquanto più che l'altro, e l'obelisco pende, leggermente fuor di
squadra, da un lato.

Questa ardita invenzione è un nulla appetto a quella che segue. Un vecchio, gagliardo e bi-
torzoluto, ritto in piedi sul piedistallo, s'è involtato un fascio di corde da un polso all'altro, e su

J

Progetto n. 5 Progetto n. 6.

quelle ha posato la base dell'obelisco, che pende fortemente da un lato, tenendolo colle mani perchè
non perda l'equilibrio. È addirittura il delirio d'un ebbro. Io non so veramente se sarebbe stato
così facile l'eseguire quel progetto come il disegnarlo sulla carta; ma posto pure che lo avesse
messo pienamente d'accordo colle leggi della statica, quella base dell'obelisco che cade fuori del
piedistallo, quella linea obliqua, quella mancanza d'apparenti sostegni avrebbero indotto, io credo,
chi passasse per la piazza della Minerva, a tenersi a una certa distanza dal monumento. E diffìcile
imaginar nulla di più strano, di più audace, di più irragionevole: il piedistallo che serve per l'uomo,

Archivio storico dell'Arte — Anno I, Fase. X 2
loading ...