Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 416
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.90
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.95
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0530
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0530
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
416

NUOVI DOCUMENTI

domibus antonij michaelis de Rachanato positis in
Q. S. A. juxta res prefati Cardinalis vndique qua-
cumque occasione uel causa et cum occasione legati
facti per dominarti alesandrinam uxorem Marinj Ni-
colaj in suo ultimo testamento quod etiam occasione
instrumentorum factorum venditionis dictarum do-
morum per dictum antonium prefato Pero et hoc prò
seruitiis et meritis receptis a prefato R"10 Cardinale
Conchense per dictos procuratores. Renuntians etc.
promisit etc. juravit etc. obligavit etc.

Dans dictus perus mihi notario infrascripto exten-
dendi dictam cessionem adsensum prefati Rmi Car-
dinalis etc. non mutando etc.

XXXIV.

1480 agosto 17.

Archivio Comunale di Recanati, Senatus Populi-
qae Racanatensis Decreta del 1480, c. 69b.

Il Consiglio comunale di Recanati stabilisce di far fortificare
la chiesa di Loreto per difenderla dalle scorrerie dei Tur-
chi, chiedendo al vicario di essa chiesa di contribuire alle
spese necessarie.

xvii Augusti (1480).
Consilio M. d. P. Antianorum xxiiij"1 et Ducen-
torum. Sicuti retulit mihi Ser Marinus jnstitutus
fuit Propositum..............

Secundo. Cum ex deliberatione concilii cc"n"n sit
quod fortificetur Ecclesia Sancte Marie 1 prò Incur-
sionibus Turcorum et Vicarius nolit contribuere quid
gerendum.

Super 2l Requiratur Vicarius ad contribuendum
expensis fìendis ad SUm Mariam et si recusauerit Co-
munitas ipsa prouideat de ere Comunis Obtentum
per consiliarios xLv non obstante vno.

XXXV.
1480 agosto 22.
Archivio sudd , l. e, e 71b.

Il Consiglio di Recanati delibera, che per il caso che il vicario
non voglia contribuire alla spesa fatta per costruire i)
muro di difesa contro i Turchi, si imponga una tassa fino
a 2 boi. per ciascuna famiglia.

xxii Augusti (1480).
Consilio M. d. p. Antianorum xxiiij01 et ducento-
rum fuit Propositum :

Secundo. Vnde habendi sunt denarij prò Muro Ec-

1 Un avanzo della prima fortificazione della chiesa di Loreto si
vede ancora nel coronamento del torrione al Nord-Est della chiesa
stessa. Non saprei dare per sicuro, che la fortificazione di questo
torrione fosse eseguita nel 1480 ; quella che in quest1 anno dovette
certamente eseguirsi, secondo la deliberazione consiliare del 10 agosto
suddetto, dovette consistere, come fu registrato nel verbale di quel
giorno, in fieri faeicndo murum et clausuram Eeclcsic Sancte
Marie.

clesie Ste Mu facto prò Turchis si Vicarius nolit con-
tribuere.

Super 2a Domini Priores uideant expensam fac-
tam in muro St0 Me et secundum quantitatem Ita
imponant prò fumantibus vsque in .ij. bolonenos prò
quolibet secundum possibilitatem. Obtentum per
consiliarios xxxiij contrariis xviij.

XXXVI.
1481 agosto 19.
Archivio sudd., I. e, 1481, c. 38:i e 38b.

Il Consiglio comunale concede al vescovo di far tagliare nelle
selve del comune una data quantità di legna verde per la
fabbrica e per le fornaci di essa. Però gli alberi devono
essere tagliati in un luogo determinato dai priori e da
quattro cittadini. Non si deve andar oltre a questo ter-
mine, uè si devono tagliare le piante dal piede, pena la
perdita della concessione. In capo ad un anno il taglio deve
essere Anito.

xviiij Augusti (1481).

Consilio ccorum etc. ut supra fuit propositum :

Cum prò parte Rmi D. Cardinalis et Episcopi no-
stri prò fabrica Ste Marie fuit petitum vt concedan-
tur de lignis, sj uidebitur concedi de viridibus in loco
minus damnoso in reverentiam Ste M.

Super qua habito Consilio Ludouici Johannis bap-
tiste fuit conclusum:

Quod ob reuerentiam Ste Marie et Intuiti! Rmi Epi-
scopi concedatur prò fabrica et fornacibus predicte
fabrice St0 Me tantum ad beneplacitum de sylvis Co-
munis locum ubi Incidi possint ligna viridia mi-
nus damnosum et ad quantitatem vj modiolorum
ascendentem ut uidebitur dominis prioribus et qua-
tuor civibus: qui presentialiter vadant et assignent
cum termino prefisso domino preposito nomine Epi-
scopi et sic In eo loco possit Incidi tacere videlicet
scapeciare Quercus virides et siccas: sed non a pede
et non excedere terminimi assignationis et bu-
scham (sic) facere etc. Et si excederetur termi-
nimi (sic) sit pena Incidentis iuxta formam statuti.
Et si a pede etiam In eo loco incideretur subiaceat
pena statuti et ipso facto perdatur licentia. Et hoc
facere teneatur et omnem quantitatem lignorum
incise sint (sic) Infra terminum unius annj. Obten-
tum per Consiliarios xLv non obstantibus iiij.

XXXVII.

1482 aprile 9.

Archivio Comunale di Macerata, Rifar magioni,

dal 1477 al 1483, c. 47P.

Il Consiglio comunale di Macerata, dovendo riparare il -pa-
lazzo maggiore (ora palazzo della Prefettura), stabilisce
di mandare alcuni cittadini a domandar Consilio a mastro
Giuliano, ingegnere della fabbrica di Loreto, ottimo e pro-
vato maestro in tale esercizio.

Die nona Aprilis 1482.

Consilio credentie Communis et nominimi ciui-

tatis macerate de mandato Magnificorum domino-
loading ...