Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 420
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.90
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.95
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0534
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0534
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
120

NUOVI DOCUMENTI

«riamine et Muratores quam primum : Qui soluantur
per Presbiteros etc. Et fìat descriptio In villa de ho-
minibus et Armis et moneantur in ordine Stent (sic)
omnes et mictantur prò continua Guardia vsque
in xxli pedites: solvendi per Commune ut supra
fuit deliberatimi. Item in Portu ponantur tres alij
pedites. Item Caballarij per marinam. Item ad boc
In casu necessitatis et in quo non sufficerent diete
Prouisiones : haberi possit subsidium a populo Sit
prò lege inviolabilj fìrmatum vigore remissionis facte
supra per Consilium Quod durantibus Istis suspi-
tionibus Turchorum quandocumque ad sonum Cam-
pane Magne Turris Communis quum pulsaretur ad
rumorem omnes debeant ad Palatium D. P. concur-
rere quamprimum de die nel de nocte Cum Armis
Et ad fatiendum mandata que prò predictis Impo-
nerentur per D. P. Aliter non venientes. si erunt de
Regimine incurrant penam x ducatorum Aurj prò
quolibet et vice qualibet: et vnius anni de confini-
bus extra civitatem cum effectu mulctandj per Po-
testatem seu eius Curiam Et si essent non de Re-
gimine, Incurrant penam Quinque Ducatorum Aurj
et sex Mensium de confìnibus. Et nihilominus tam
ipsi quam alij teneantur sub dictis penis ilio In-
stanti obbedire mandata ut supra.

xviij die.

Dieta lex fuit Bannita per Amicum Tubicinam et
Tubatorem.

XLV.

1486 gennaio 9.

Biblioteca Leopardi in Recanati, nella filza segnata
Mss. di cose Recanatesi per Loreto, filza col n. 25.

Lettera del cardinale della Rovere a ser Domenico d'Anguil-
lara e a don Marco da Macerata. Il cardinale dice che con-
temporaneamente riscrive al comune di Recanati, affin-
chè conceda che si demolisca il suo palazzo ricevendo in
cambio una casa riedificata da Giovanni fiorentino. Dice
che scrive anche a mastro Giuliano per sollecitarlo a tra-
sferirsi a Santa Maria a continuarne la fabbrica e la for-
tificazione.

Venbus Viris Nobis Carissimis domino Dominico
de Anguilaria vicario nostro Racanatensi et Dono (sic)
Marco Maceratensi

Hier8 titulo S" Crisogoni presbiter Cardinalis Ra-
canatensis.

Venles viri Nobis Car111 etc. Rescriuemo a la Com-
munità de Recanati : pregando et confortando lhoro
uogliano getare a terra il llioro palatio, e in oppo-
sito de Sca Maria offerimo alhoro Mag^ la Casa nona
lassata a Su Maria rehedificata per Ioanne Fioren-
tino vicina a la Hostaria de St0 Marco. Andate ali
Priori de Recanati et sollicitate receuino quella casa
in recompesa (sic) del suo palatio. Qua re impetrata
faciate rumare el dicto palatio prout alias uobis scrip-
simus. Et perche scriuemo a mag™ Juliano archi-
tecto dela fabrica nostra se uoglia subito transferire
a St:' Maria cum molti mag» et scarpellini ad conti-

nuare la fabrica de St;l Maria maxime de la parte de
sopra et fare alcuune (sic) diffese et Corritori: vi
notificamo cum solicitudine et diligentia faciate fare
bona prouisione de pietre, de calcina et dogni altra
cosa necessaria a la fabrica. Essendo etiamdio el bi-
sogno grande et molti relieti non scossi Dicemo a
voi Don Marco uogliate cum Diligentia dare opera
decti relieti se riscotano per tutto. Adcio non man-
chi la Fabrica non si manda ad executione Bene va-
lete. Romse die viiij0 Ianuarij 1486.

XLVI.
1486 marzo 7.
Biblioteca suddetta.

Il cardinale della Rovere scrive a Domenico d'Anguillara di
aver esortato ser Giovanni e mastro Giuliano ad andai'e
a Loreto, e suppone che già vi sieno. Gli rende noto, es-
sere sua volontà che, dopo mastro Giuliano, la direzione
della fabbrica sia affidata interamente a ser Giovanni, il
quale deve essere ricevuto con onoranze eguali a quelle
che saranno fatte a mastro Giuliano. E avendo inteso che
tempo innanzi un tale ser Ziliotto aveva detto parole in-
giuriose e minatorie contro ser Giovanni, ordina che lo si
ammonisca.

Venerabili viro nob8 Car'110 Domino Dominico de
anguillaria decretorum doctori vicario nostro Reca-
natensi

Hier. titulo S. Chrisogoni presbiter Cardinalis Ra-
canatensis.

Venerabilis vir Nobis Carissme. Hauemo Già scritto
ad ser Ioanne et ad maestro Juliano uedute le no-
stre vennesseno ad S. maria de Loreto ad Continuare
quella fabrica. Hauemo aduiso, sono ad quest'hora
partiti da fiorenza. Immo noi credemo siano gionti
ad S. maria: unde ui notificamo nostra intentione et
nolonta essere che ser Joanni habia la Cura omni-
moda de la fabrica et altro non se Intrametta in essa
se non Lui secondo II disegno et il parere de mae-
stro Juliano, sicché se non hé anchora venuto quando
verrà facciati sia receuuto Insieme cum maestro Ju-
liano et li se faccian[o] Carezze, et adsignateli la
Cura et il Gouerno de tuta la fabrica sicché Ni-
suno altro si impazzi1 in quella fabrica senon ser
Joanne solo, et ordinate ché persona alchuna non fac-
cia, né dicha iniuria ad ser Ioanne: Immo uolemo sia
honorato et acarezzato da ogne persona et perche Jn-
tendemo che dono Ziliotto hauuto usare certe parole
iniuriose et minatorie Contra ser Joanne direte da
nostra parte a dono Ziliotto che non cognoscemo an-
chora qui se sia: et admonitelo, porti honore ad ser
Joanne in factis et dictis : quando facesse altramente,
li daremo ad intendere quanto né rincresce adfare ho
dire Jniuria ad ser Joanne voi hauerite bona Cura
de tute laltre Cose nostre si che passino et secun-
dum honorem et secundum commodum nostrum.
Bene valete. Romse Die vij martij 1486.2

1 Impacci.

2 II suggello di questa lettera è conservatissimo.
loading ...