Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 422
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.90
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.95
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0536
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0536
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
122

NUOVI DOCUMENTI

XLIX.

1488 dicembre 31.

Archivio Comunale di Reca nati, Senatus Popult-
que Racanatensis Decreta anni 1188, c. 92 e 92'-.

Il Consiglio comunale di Recanati autorizza i priori a far
portare tegole per la fabbrica della Basilica dai possessori
di bestie da soma, anche ne' giorni festivi.

xxxj (decembris 1488).
Concilio M. D. p. Antianorum et Ducentorum fu.it
Propositum.

Primo. Super pensione factorum Ste Me de Lau-
reto de Carregio Teuularum 1 que sunt ad fornaces
Qrij gte ]^[e a a(j Villam: 3 prò copertura ecclesie et
Coppule Ste Me.

Super prima. Auctoritate presentis Consilij fìat
per populum ab habentibus Bestias portarj Teuole
predicte cum effectu et cum omni prouisione et
man'0 4 et grauamine ad voluntatem D. P. piena aucto-
ritate: tam de die festo quam alijs diebus per illos
maxime qui vadunt prò lignis et per alios genera-
liter. Obtentum per Consiliarios xxi non obstante
uno contrario.

L.

1489 aprile 13.
Archivio sudd., I. e, 1489, ce. 24h e 25b.

Il Consiglio comunale di Recanati accorda a sei* Marco, fat-
tore della chiesa di Santa Maria, sessanta quercie per farne
legna per la cupola della Basilica.

xiij aprilis (1489).

Consilio M. D. p Antianorum xxiiij01 et Ducen-
torum Comunis et hominum Magce Ciuitatis Racha-
nati more sollempni congregato fuit propositum Im-
presentia mei Ser Francisci Cancellar!]' autentice.

Quarto. Super petitione D. Marci factoris Ste Me
nomine Carlis predicti 5 de Lxu lignis prò Coppula
fabrice de syluis nostris.

Super 4a Dentur Lxu lignj quercus necessarij et
sufficientes ad tale exercitium Et D. P. ne fiat fraus
deputent duos ut eis uidebitur sine quibus non pos-
sint jncidi. Obtentum per Consiliarios xLiij non ob-
stantibus 2 contrari]'s.

LI.

1489 ottobre 13.

Archivio sudd., I. e, 1489, ce. 68e 69".

Sulla domanda del cardinale, il quale chiedeva di poter porre
e ritenere a guardia della chiesa di Loreto uomini della

1 Tegole.

2 Di Castelnuovo.

3 Di Loreto.

4 mandato •

5 Girolamo della Rovere.

città con quello stipendio che si dava a' forestieri, il Con-
siglio decide di far esaminare la cosa da' priori, i quali
poi ne riferiranno.

xiij octobris 1489.

Consilio M. D. P. Antianorum xxiiijor et ducento-
rum de populo Comunis et hominum Ciuitatis Ea-
chaneti more solito congregato fuit propositum au-
tentice in presentia mei Jo. phylippi^vna cum Jo
Francisco fratre ad officium Cancellane deputato.

Secundo si uidetur operam dare prò interesse
nostro cum R"10 Cai*1' nostro1 quod cum ecclesia
Sancte marie de laureto sit arex (sic) munitissima,
et non solum statui nostro sed etiam vniuerse pro-
uintie importet: D. S. R'mi2 prò tutela illius loci:
mittat et retineat ad maiorem cautelam liomines
siue custodes de ciuitate nostra propria cum illa
espensa quam facit forensibus.

Super secunda D. P. cum Ciuibus uocandis ma-
ture se Consultent deliberent et reponant in Consilio.
Obtentum ut supra.3

LII.

Dal libro V dell'opera intitolata: De Naturali Vino-
rum Eistoria De Vinis Italiae et de Conviviis
antiquorum libri septem Andreae Baccii, Ci-
vis Romani, eie, p. 259 della edizione uscita in
Roma nel 1596 ex officina Nicholai Mutii.

Andrea Bacci ricorda che il suo avo Andrea, insieme con Baccio
fiorentino, presiedette alla fabbrica della Basilica loretana.

Ornamentum Picenae regionis, et gentis est in
his vinearum historiis Laureti dignitas.....Me-
rito vero mihi venerandae semper erit memoriae,
quod hinc primam ferme prosapiam susceperim ac
genus cum sub Paulo II (sic) Pontif. accitus avus
meus Andreas ex nobili familia Basia Mediolanen
qui praeesset tantae aedis structurae cum Baccio
Fiorentino Architectus, et cum eo Antonius pater,
ex Basio dedit mihi nomen et genti Bacciae here-
ditarium.

Dall'opera intitolata : Notizie dell'antica Cluana, oggi
Sant'Elpidio, e di molte altre città e luoghi del-
l'antico Piceno, raccolte da Andrea Bacci, p. 41
della edizione fatta in Macerata per gli eredi Pan-
nelli nel 1716.

Di questa nobil patria è la mia famiglia la quale
viene d'Andrea Bacci assai onorevole Casa in Milano
il quale essendo stato Professore di qualche nome
nell1 Architettura, fu chiamato al tempo di Paolo se-
condo (sic) sopra le fabbriche del sontuoso tempio

1 Girolamo della Rovere.

2 Dominatici Sua Reverendissima
■1 Ossia nemine contradieentc.
loading ...