Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 433
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.98
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.99
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0551
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0551
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DI PIETRO LOMBARDO

ARCHITETTO E SCULTORE VENEZIANO

A scarsità dei documenti noti intorno a Pietro Lombardo c'induce
a comunicare qui alcune sue lettere al marchese Francesco Gon-
zaga, che trovammo nell'archivio Gonzaga di Mantova. Esse furono
rinvenute nelle lunghe ricerche che si praticarono in quell'archivio
per un futuro lavoro sulla moglie di Francesco, la geniale Isabella.
Quest'opera, per la quale il materiale ingente é già tutto raccolto,
nutriamo speranza che possa tra non molto esser compiuta. In essa
cercheremo di delineare in tutti i suoi molteplici e svariati aspetti
quella splendida figura di dama della Rinascenza, la più bella e
completa che l'Italia abbia avuto, ed insieme illustreremo nel modo
che si potrà migliore tutte le sue relazioni con letterati, scienziati ed artisti.1

Ma, come di sopra s'è accennato, le lettere che qui si pubblicano non riguardano Isabella, si
bene il marito Francesco ; nè ci risulta che Pietro Lombardo abbia mai avuto relazioni epistolari
con la marchesa. Questa è la ragione per cui, anziché attendere il libro per comunicarle, crediamo
meglio sottoporle ora ai lettori del presente Archìvio.

Ecco, prima di ogni altra cosa, le lettere nella loro successione cronologica:

I.

« Illme et Exme Marchio et Imperator Invictissime,

« Cum quella fede che deve ogni devoto servidore de la S. V. era sollito de aldire da questi Mci Vene-
tiani comemorar li strenui facti de quella et ne prendeva singularmente apiacere e pregava sempre
el Nostro S. Dio e la sua pientissima madre arecordevoli del voto de V. S. quella facta compote
de la Victoria remandasse gloriosamente a casa, a poner qualche requie a le longe fatiche, a per-
fruir tanti accessi de laude, e refferir come è de instituto signoril le merite gratie al summo Dio
e sua clementiss. madre, e dar modo de perficere la votiva capella. Hora ex sententia sequite que-
ste cose, mi ha parso per l'affectione porto a V. Mma S. rengratiare prima la maiestà divina e con-
gratularmi de la felicità de V. S., la quale esendo memore come a mi Piero Lombardo taiapiera
per voto dete la cura de preparare e meter in ordene li fornimenti per la capella de V. S. e feceli
el modello, venuto a Venixia cum quelli pochi danari mi è sta dati comprai uno marano de piere,

1 Lo schema di questa monografia fu dato recentemente da uno di noi in inglese. Vedi l'articolo Isabella d'Este Gon-
zaga marchioness of Mantua and her artistic and literary relations, nel periodico Italia, a monthly magazine, fascicoli
maggio e giugno 1888.

Archivio storico dell'Arte — Anno 1, Fase. XI-XII. 1
loading ...