Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 434
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.98
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.99
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0552
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0552
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
434

DI PIETRO LOMBARDO ARCHITETTO E SCULTORE VENEZIANO

e subito cum homeni 25 mi ho cazato a lavorare intermettendo ogn'altra cosa, e mandato per un'al-
tro marano de piere el qual hozi è arivato; e perchè el mi bisogna de qui el modello e li por-
fidi che la S. V. voi ponere in quel opra piaqua a V. S. quelli far mandare in man del Mt0 m.
Zorzi segretario. Ben si puoi persuader la S. V. che havendo tolto, come ho dito, uno marano
de piere e lavorar cura homeni 25 non atendendo ad altra alcuna cosa e incaparato un altro
marano qual hozi è arivato, el mi incorre de grandissime spexe e non sono bastanti quelli
due. 200 per le piere solamente; le opere mi convien pagar del mio, e solo duo cose mi ha
facto tolerar ogni senestro e spexa, sì perchè considerava l'altre grave occupatione de V. S.,
si perchè mi havea obligato in spacio de tanto tempo a expedir l'opera e impegnata la mia
fede apresso la S. V. e mi confidava poi esser reffacto e sobvenuto largamente a la tornata de
V. S. la quale a laude de Dio esendo cum gloria tornata, remesse le grave occupatione, e sen-
tendomi io agravato de la spexa e incaparata la fede col patron de le piere, non inmerito mi ha
parso haver recorso e dover supplicar l'aiuto e subsidio de la invitissima S. V. Che quella mi sob-
vegni e soccorri de danari, aziò, come è el desiderio mio, possi l'opera cum quel bel ordine ho
principiato etiam fenire e usir de debito; che prometto a V. Illma S. haver a reusir cusi bella e
perfecta opera, qual a nostri tempi mai fosse facta, e in bona parte se possono veder li lavori
apresso de mi. Io mi confido la V. S. considerarà el mio bisogno e presto mi soccorerà, a la gratta
de la qual perpetuamente me ricommando.

« Venetijs, ultimo octobris, 1496.

« Servulus Illmej)nis Vestrae
« Petrus Lombardo lapiscida

(foris) « Ill.mo et ex.mo D.no D. Francisco Gonzaga Marchioni Mantue et librai Dn. Dora.
Venetiorum Exercituum Gap.0 generali dig.nio ».

II.

« I). Jesus.

« Illustrissime et Ex.me D.ne D.ne mi observandissime post humilem commendationem. Dapoi el
partir mio da la 111.ma S. V.ra da la qual havj promission de haver da qui due. 300, in quella fiata
notiffico a quella che fin questo zorno non ho havuto altro tra robe e danari da l'ambasator et
commesso de la Ex. V.ra che due. trentatre e mezo, zoè due. 33 ì/2, per il che in sumaria in tuto
sin qui son due. 433 l/2 e^ è piui de uno mexe e mezo che ultimamente me partiti da la Ex.tia
v.ra, et ho facto lavoro per l'amontare et valuta de ducat. 1500 e piui, e se la 111.ma S. v.ra non
el crede manda qual persona li piace a veder l'opera. Questa cossa so e cognosco non proceder
da la S. V. ma da cui per acomodarse loro non hanno cura pretermetere et conculcar li ordeni
de la Ex.tia V.ra. Prego adonque essa V.ra 111.ma et Ex.ma S. et da quella supplico se degni far
io habi danari per l'opera et fatiche mie, non dico ad intacar la Ex. V.ra, ma a 100 e 200 ducati
men de quello è l'opera facta fin hora. Aliter quella non imputi a me per alcun tempo se l'opera
non sera expedita al tempo de la promissione, ma a cui el merita e non ha voluto far quello era
l'intento de la S. V.ra. Io non posso più lavorar perchè non ho più da impegnar. Ho pegnato
la roba e la fede, e pochi più nom me crede; et mi par etiam veder che dove sperava haver
qualche bene dala 111.ma S. V.ra me è occorso et occore la ruina, sichè prego quella ge provedi
et faci exequire che habi danari che me bisognarla almen de presenti due. 500, perchè da poi
l'esser mio de li è sta facto opera assai: non altro solum al continuo a la Ex.ma S.ria V.ra me
ricomando. Venetiis die Xma, mensis marcii 1497.

« Eiusdera 111.me et ex.me Dominationis

« Servulus Petrus Lombardo
« scultor de Venetiis ».

(foris) « Ill.mo et ex.mo D.no D. Francisco de Gonzaga Marchioni Mantue Serenissimoq.
Dom. Venetiarum Capitaneo generali. Mantue ».
loading ...