Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 435
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.98
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.99
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0553
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0553
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
A. LUZIO, R. REN1ER

435

III.

« D. Jesus.

« Illustris et excel.me D.ne D.ne mi plurimum coleri. Noviter havendorai ritrova Franceschino,
me ha facto intender per parte de la S. V.ra che io debi dar principio a cargar e mandar del lavoro
facto de la Capella de la Ex.tia v.ra de lì: e che io me ge habi a transferire. La qual cossa Idio
sa de quanto apiacere e contento me seria stata, né ad altro ho invigilato a tuto mio poter che
una fiata poter venir a questo che cossi degna e laudabil opera piena de ogni perfecione se havesse
una fiata a meter insieme si per satisfacione e contento de la Sig.ria v.ra splendidissima e ma-
gnanima, veramente degna de ogni sublime tropheo, si etiam per l'onor mio: al qual fine come
piuj fiate ho facto intender a la Ex.tia v.ra ho impegnato quel pocho de substantia ho in questo
mondo, frustrato tuti li miei amici impegnato la fede e indebitato la propria vita mia e de mie
floli: per el pocho suffragio ho havuto; Et me è sta forza a abandonar l'opera, e piui zorni è che
in quella non è sta facto cossa alcuna, perchè chi lavora per viver, mancandoli el premio li man-
cha el fiato e la vita, il che è stato in questa cossa che essendo facto opera per valuta et existi-
matione de ducati mille cinquecento, zoè (1500) in circa, solum in tuto ho havuto Due. cinque-
cento trentatre e mezo:lo resto è facto de el sangue mio, e de quelle povere opere che ho havuto,
cura le qual son impegna come ho dicto, et per questo ho impegna la substantia et fede mia
ut sup. Unde non posso aver quel contento sperava, et ex consequenti non posso exequir quanto
che per Franceschino mi è sta dito, e se la 111.ma S. v.ra non me provede de danari et almeno de
ducat. 500 cum i qualli io mi possi alquanto despegnar, et suffragare a cui de haver e me possi
levar e meter a camino cum l'opera se ritrova facta, de la qual so perfectamente la Cel.ne v.ra
ne ha plenaria noticia qual e quanta la sia per esser stato assaissimi de lì a vederla e precipue
m. Phebus e m. Zorzi Prognolo, oltra che ognuno per zornata ne concori adeo che par uno novo
jubileo, non è possibel de levarmi de qui; ma se la S. V.ra fa provisione de denari io exequirò
tanto quanto senti esser el voler de quella, e se potrà prosequir el lavoro, ma senza danari questo
apresso de mi è impossibel per non haver piui de poter exponer per la Cel.ne v.ra de quello ho
exposto fin qui. Se la S. v.ra desidera la expeditione de l'opera, quella sapientissima e justa co-
gnosse et intende el modo nè io de questo posso esser imputato: se anche quella non se ge cura
(de il che per li andamenti el vulgo ne fa judicio) quella se degni notificarmello: azió possi trovar
modo de despegnarmi et renfrancarmi de chi me ha in chatena: non altro salvo al continuo me ri-
comando a la S. v.ra et de quella desidero et aspecto risposta. Venetiis, die vini junii 1497.

« Servulus Petrus Lombardus scultor.

{forìs) « 111. et excel.mo D.no D. Francisco Gonzaga Marchioni Mantue Illm.miq. Venetorum
Dominij Cap.° generali dig.mo ».

IV.

« 111.me et Ex.me D.ne D.ne mi collendissime post humilera commendationem. Ho suppicato benché
cum grandissimo mio disconzo et interesse quanto a me sia sta possibel, et fin a questo zorno
havendo rispecto a le comotion et tempi che sono stati che io non ho voluto dar molestia alcuna
a la Ex.ma S.ria V.ra. Et se io potesse etiam piui oltra me ne anderia, ma la necessità e bixogno
fi dito trazer el lupo de boscho, a fortiori l'homo ha ad haver ricorso dove el ricognosce esser e
justicia et amore, per la qual cossa Ill.mo S.or judicando horamai esser el tempo che la prefacta
S.ria v.ra puoi meter l'animo suo a quanto a Dio l'ha promeso che di me non mi presumo dire;
non mi par restar de ricordargli la expedition de la opera et capella principiatasi S.or Ex.mo
per satisffation de el voto sacro, come per satisffaction de ognuno che de tal opera ha sentito dexi-
deroxi de vederge la fine, che non poterà esser salvo che cum laude et eternai fama de la Ex.ma
S.ria V.ra. Et se suol dire cussi non solum apreso nui fideli, ma ne le antiche et zentil istorie che
niuno è mazor eror che manchar de promessa e fede et maxime verso Idio. Et a quelli primi
loading ...