Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 466
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.98
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.106
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0584
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0584
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
NECROLOGIA

ALFREDO ARMAND - BOTH DE TAUZIA

ONO morti a Parigi due scrittori benemeriti della
storia dell'arte italiana: l'architetto Alfredo
Armand, che ci diede il catalogo delle medaglie
del nostro Rinascimento; il visconte Bora de
Tauzia, conservatore al museo del Louvre, che
nel catalogo delle pitture italiane di quella grande galleria, e in
quello dei disegni di His de la Salle ed altri dimostrò la sua grande
coscienza e il suo amore per l'arte italiana. Alfredo Armand, con-
temporaneamente al Friedlànder ed allo Heiss, studiò la medaglia
sotto l'aspetto dell'arte, e rintracciò gli autori di que' piccoli ca-
polavori di bronzo. Nel 1880 fornì il primo suo saggio in un libro
che in pochi anni crebbe singolarmente di mole, tanto che in tre
volumi poi raccolse e lasciò i tesori della sua grande erudizione.
Egli fu il Bartsch e il Passavant della medaglia. Il visconte Both
de Tauzia, mentre attendeva ad ordinare la galleria italiana nel
Louvre, si preparava a rivelarci pagine ignote della storia della
miniatura italiana, frugando fra i codici della biblioteca Nazionale di
Parigi. Ma la morte ha troncato quelle due nobili esistenze. Onore
alla loro memoria !

A. V.
loading ...