Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 23
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.8
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.10
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0047
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0047
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
LA COLLEZIONE GARRAND NEL MUSEO NAZIONALE DI FIRENZE

23

Un uovo in maiolica d'Anatolia ò decorato da crocette e da figure di cherubini imitate a
quelle che si vedono nei pennacchi della cupola di Santa Sofia a Costantinopoli: è un pezzo raris-
simo e mollo antico che serviva a riunire le catene di sospensione delle lampade votive arabe. 1

Vi sono poi molti frammenti di vasi e di stoviglie sì orientali che occidentali, tutti di grande
interesse per la storia della ceramica.

Vetri. — Sono soltanto otto pezzi: accennerò a una grande lampada araba, uno di quei meravi-
gliosi prodotti dell'arte orientale che i credenti solevano appendere coinè ex-volo nelle moschee
dell'Asia minore, dell'Egitto e della Persia: è in vetro trasparente con ornamenti e iscrizioni in
azzurro, bianco, rosso e oro, e si può considerare come la pièce capitale di questa piccola serie.
Gli altri vetri sono veneziani e di non grande importanza.

C Continua)

Umberto Rossi

' K somigliantissimo a quello della collezione Davillier, pubblicato dal signor Jaccj
opera citata.

pomari a pag. 130 della sua

9
loading ...