Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 49
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.17
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.18
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0077
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0077
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
PITTURE DI MAESTRI ITALIANI

NELLE GALLERIE MINORI DI GERMANIA

i

Il Museo di Colonia

evesi ad una singolare combinazione, se la più ricca raccolta
che esista di pitture tedesche del secolo xiv, possiede anche
un gran numero di dipinti italiani della stessa epoca, cosi
che in nessun'altra meglio che nella galleria di Colonia si
offre l'occasione di osservare, col confronto di òpere con-
temporanee fra di loro, le diversità e nello stesso tempo
le tendenze affini della pittura italiana e della tedesca dei
primi tempi. E il confronto riesce anzi tanto più istruttivo, in-
quantochè in questa galleria è rappresentata, per mezzo di una
quantità di lavori, precisamente quella scuola, che tiene nella
storia della pittura italiana un posto eguale a quello della
scuola di Colonia nella storia della pittura tedesca, e che
si distingue per la sua tenera espressione di sentimenti
dell'animo e per la sua intonazione lirica, cioè la scuola
di Siena. Si comprende facilmente che queste opere sieno
state finora poco notate, giacché l'interesse dei visitatori di quel museo si rivolge quasi esclusivamente
alle sale adorne delle pitture della scuola di Colonia, laddove invece il vedere i locali che con-
tengono le pitture italiane, raccolte affatto arbitrariamente e disordinatamente, non invita certo
alla osservazione ed allo studio di esse. Buono e cattivo vi è ammassato e confuso ; e ciò vale non
solo per le pitture italiane, ma in generale per tutta la raccolta. A ciò s'aggiunga che le pitture
italiane si trovano per la maggior parte in uno stato veramente miserando; spesso sono state
ritoccate molto rozzamente, così che in molti casi è difficile dare sul loro stile un giudizio positivo.

Il contingente principale della raccolta di quadri italiani, è dovuto, come già abbiamo detto,
alla scuola senese, e questi dipinti furono in seguito aumentati col lascito del pittore Ramboux,
già conservatore di quel museo, il quale, durante il suo soggiorno nel sud, ne aveva composto
una celebre raccolta. A queste pitture si aggiunse in tempo recente una quantità di opere, la
maggior parte di epoca posteriore, mandate a Colonia dal deposito della galleria di Berlino ; ed
alcune altre furono donate o acquistate. Il catalogo, che non risponde affatto alle serie esigenze
della scienza, ed evita con la più scrupolosa cura di portare un po' d'ordine in quella confusione,
permette allo studioso di formarsi il suo giudizio indipendentemente da ogni tradizione e da ogni

Archivio Storico dell'Arte - Anno II, Fase. II, 1
loading ...