Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 94
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.17
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.24
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.25
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0122
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0122
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
94

CRONACA ARTISTICA CONTEMPORANEA

nuova maniera, e già si vedo pronunziata quell'arte che
chiamiamo bizantina o che diede poco dopo i mosaici
del' S. Vitale a Ravenna e quelli della Chiesa de' SS.
Cosma e Damiano in Roma; gli avori della celebre Cat-
tedra di Massimiano; le miniature del Ms. Siriaco del
Monaco Rabula, esistente nella Laurenziana, e quello
del Codice di Cosmas Indicopleusto nella Vaticana.

Tali caratteri, uniti a quelli delle lettere unciali,
quasi tutte di forma larga, quadrata, e dello poche ab-
breviazioni, che incontriamo soltanto nelle parole più
comunemente usate, danno quasi la certezza che il pre-

zioso Codice non sia posteriore alla prima metà del
secolo vi; e fu probabilmente eseguito in Alessandria,
dove in quel tempo fiorivano le lettore e le arti cri-
sliane, <! portato forse dai monaci basiliani, che in Kos-
sano ebbero antichissima sede.

Il Codice, di cui gli Italiani non avevano mai rico-
nosciuto l'alto valore, fu nel 1880 convenientemente
illustrato dai Sigg. Gebhardt ed Harnack (Evangeliorum
Ceodex (/raccus rossanensis eie.-in 4.°, Leipzig), e poco
dopo dal Kondakoff (Histoire de l'Art byzantin, pa-
gina 114 e segg.). E. A.

CRONACA ARTISTICA CONTEMPORANEA

SOMMARIO. — Ancora un concorso pel monumento di I veder terminato nel prossimo anno, sarà nel suo genere
P. Cosso. - Il Museo artistico-industriale di Napoli. - j, iu aj ti altr; siano stilti fatti finora in

Cn.ni. niiinn*,. .1 1 . ,.. 1 .. . .. .a \T.......« n 1\ T , I .t n ^nm 1 °

Complemento del palazzo Marino a Milano. - Com-
memorazione funebre di Carlo Pellegrini. - Esposi-
zione di pittori-incisori a Parigi. - Concorsi artistici
a Milano.

Nella precedente mia cronaca io lasciava prevedere
che forse non sarebbe rimasta chiusa ancora l'èra dei
concorsi e degli studi pel monumento a Pietro Cossa.
E non mi era ingannato. Il Comitato di questo monu-
mento infatti ha riaperto un nuovo concorso per la
presentazione dei bozzetti, la quale dovrà essere ese-
guita dal 20 al 30 del futuro mese di maggio. Un giur
inappellabile, composto di nove membri, da nominarsi
per due terzi dai concorrenti e per un terzo dal Comi-
tato, procederà alla scelta. L'autore del progetto adot-

Europa.

— A Milano sono stati iniziati i lavori pel comple-
tamento decorativo del Palazzo Marino, ove risiedo quel
Municipio. Il progetto è dell'architetto Luca Beltrami.
Gli artisti fanno voti perchè, compiuto esternamente il
grandioso edificio, venga anche nell'intorni restaurato
e rimosso, (piale fu inalzato, dall'insigne architetto
Galeazzo Alessi perugino.

— Una perdita dolorosa si è avuto a deplorare iu
quel ramo speciale dell'arte che può dirsi la sua parte
comica, cioè la caricatura. Carlo Pellegrini, celebre ca-
ricaturista italiano, è morto a 50 anni in Londra, ove
avea saputo acquistarsi una fama, una popolarità che
in questo special genere di lavori nessuno, o ben pochi,
tato avrà la commissione della statua: quegli che se- han saputo raggiungere. Carlo Pellegrini era di Capua,
guirà per merito immediatamente dopo di lui, riceverà 0 apparteneva a una distinta famiglia. Il patrimonio
un premio di 500 lire. Speriamo che questa volta si , ereditato rimase cosi scarso alle voglie di Carluccio
riesca ad ottenere un modello accettabile, e elio, finiti come lo chiamavano i suoi amicò, che egli, vedutone
finalmente i concorsi, si possa subito metter mano alla j il fondo, pensò ili recarsi a tentar la sorte in Inghil-
esecuzione del lavoro. terra. Quivi giunse nel 1863 con scarsissimo peculio e

— Il giorno 7 di febbraio venne inaugurato a Napoli ; senza intender nò pronunziar verbo d'inglese. Due fer-
ii Museo artistico industriale, donato a quel Municipio tnidabili listaceli pei- arrivare ad ottener qualche cosa
da Gaetano Filangieri, principe di Satriano. 11 discorso j in quel paese, e specialmente a Londra. Ma egli non si
inauguralo è stato pronunziato dal fondatore stesso e | sgomentò, uè perdette, per questo il suo buon umore:
donatore del Museo, al quale han risposto il Prefetto ■ che anzi, mettendo a profitto gli studi fatti e le natu-
della Provincia e il rappresentante del Sindaco, signor ; rali sue disposizioni, cominciò a pubblicare caricature
comm. Ai-lotta. L'illustro Gladstono accorso anch'egli a ; dei più noti uomini della sterminata metropoli. Quando
questa festa artistica, e prosa la parola in pura lingua apparve quella del Disraeli, la fortuna del Pellegrini
italiana, lodò la istituzione del Museo, od augurò alla I fu fatta. Perchè seguendo lo regole della più squisita
propria patria di potere anch'ess i registrare noi suoi ! educazione, accoppiata al più bizzarro ingegno, egli era
fasti esempi di splendida generositi. conio quello testé ' giunto a rappresentare il celebre uomo di Stato senza
dato dal Principe Filangieri. goffaggine alcuna e senza nulla affatto di offensivo:
Il Museo con le annesse officine occupa alla Poggeria ma nel tempo stesso in modo cosi festivo ed ameno,
i locali stessi noi quali risiedeva già la Accademia na- j che non potevasi guardare senza ridere, e il primo a
vale di Napoli. La facciata di questo Stabilimento sarà ! divertirsi fu Disraeli medesimo. Lord Palmerston subì
tutta adornata in maiolica; e questo lavoro, che si spera ! la sorto eguale. La fama del Pellegrini crebbe cosi a
loading ...