Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 96
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.17
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.26
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0124
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0124
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
96

ESPOSIZIONI DI BELLE ARTI IN ROMA

ESPOSIZIONI DI BELLE ARTI IN ROMA

Al palazzo di via Nazionale si sono aperte a pochi
giorni di distanza una dall'altra, due mostre di belle
arti; a destra di ehi entra quella che s'intitola - in Arte
libertas - a sinistra la 50" degli Amatori e Cultori delle
belle arti a Roma.

E dovere dirlo, non senza un qualche rincrescimento:
se i quadri non mancano e magari anche a qualcuno,
parran troppi, i buoni sono pochi: si è detto, per quella
degli Amatori in ispecie, che la commissione incaricata
di accogliere i lavori abbia questa volta proceduto alla
scelta con molto rigore.

Sole calante (un pollaio a Terracina) che pare un pezzo
d'arazzo messo in cornice, l'altro il Portico d'Ottavia,
non privo di qualità ma assolutamente falso per certi
toni aranci che saltano dalle finestre delle caso lon-
tano al colletto di uno dei passanti sino all'occhio an-
che poco educato dell'osservatore.

Lancerotto vorrebbe essere il continuatore e l'imi-
tatore di Favretto ; ma dal maestro troppo si discosta
por trascuratezza di esecuzione e per mancanza di quel-
l'intimo sentimento d'arte, che taceva cosi care a tutti
le opere del pittore veneziano. Faccioli ha un'infelice

Veramente non si direbbe, o bisogna conchiudere ! testa cho intitola: Ai tempi del pròno impero, Ca-

che non si è mai abbastanza rigorosi; d'altronde non
si comprende corno siano stati ammessi certi lavori così
lontani da ogni senso d'arte.

Ma non è nostra, intenzione, nò si addirebbe all'in-
dole del periodico, di dare una vera rassegna su questa
contemporanea manifestazione dell'arte: già abbiam

bianca, le sue Monacelle; non mancante poro di sen-
timento vero il quadro suo: E pazza. Ferrarmi duo
paesi un po' trascurati nella fattura ma non privi di
luce, e Ferrari Carlo un quadretto intitolato Fra le
rose con una monaca a un terrazzo, tutto coperto di
fiori, di coscienziosa e studiata esecuzione

messo per così diro lo mani avanti in modo, da, non far Gli acquarelli non mancano: mancano invece i vera-

temere una lunga serie di nomi e di cose ; oppoi, per | mente buoni : in questa sala però fermano addirittura

esser giusti, queste pubbliche mostre si ripetono con j per serietà e verità d'esecuzione, certe acquaforti di un

troppa frequenza obbligando esse gli artisti, tanto per ! artista tedesco, lo StaufFer Bern, e certi suoi studi di

non ossor dimenticati, a farsi vivi con qualunque cosa, non
offrendo loro invece che miseri compesi. Una volta
avevano almeno il vantaggio di mettere in evidenza
qualche giovane artista. Ma se nella in Arte libertas c'è
qualche affermazione individuale, qualche tentativo, se
più o meno riuscito vedremo poi, in questa degli Ama-
tori e Cultori sono sempre i soli artisti vecchi, aventi

teste a disegno così potentemente ritratte e così vere
che formano l'attrattiva migliore di questa prima mo-
stra. E un altro tedesco, il Lembach, ottiene il primato
nell'altra, in Arte libertas per i quattro suoi ritratti :
uno a disegno, due a pastello, finissimi entrambi, e uno
a olio di una fattura così larga e cosi solida, e con tanta
forza e succo di colore da farci ricordare i nostri ritrattisti

già un nome chiaro nell'arte, die attraggono ed iute- antichi della più bell'epoca.

ressano maggiormente.

Ma noi dobbiamo giudicare quello che c'è, non quello
che vi avremmo desiderato: cominciamo dunque il com-
pito nostro dalla scultura, la (piale non si presenta
molto felicemente in nessuna delle due mostro: in quella
dogli Amatori e Cultori, c'è di buono una testa di Abis-

Leighton ha pure un ritratto di modellatura larga
e franca, ma troppo eguale di colore. Biseo espone qui
pure alcune sue impressioni di Oriente, fra cui v'hanno
alcune che son veri e propri quadretti. Gabianca ripete la
sua nota simpatica, Ricci ha il quadro la raccolta delle
olive e due migliori studi di paese; Moraui, i Lavori di

sino del Ferraresi, modellata con spirito e con sapere. Maggio, tela cho se non può dirsi completa, non è certo

Decorativamente plastica una testa del Cifariello; Esaù- mancante di qualità e dì promesse liete ; Coleman qualche

rimento; simpatico per ingenuità di fattura, por solidità acquarello fra cui il levar del sole e il mattino,. Celimi

di costruzione un ritratto del Tuaillon; non privi di una sua fantasia, e Costa due ritratti molto felici, e

valore i busti di Ezekiel: ma poi molti lavori insignifi-
canti e molta chincaglieria : troppa anzi !

Sopra, al primo piano, comincia la sfilata dei qua-
dri. Primo fra tutti quello dol Bozzi : Sole morente, in
cui l'effetto, ottenuto senza esagerazione e senza vio-
lenze, può dirsi perfettamente raggiunto: è l'artista che
ormai sa il conto suo, ed ama forse troppo di mostrarlo.

qualche bello studio in cui è riprodotta la campagna
romana senza la deplorata esagerazione del vero.

Nè mancano disegni, fra cui bellissimi due del
compianto Serra, e qualcuno di Costa, di Biseo, di Mo-
rani e d'altri.

La scultura, poi in questa mostra, ha soli tre
nomi: Rosa con tre studi di teste, e una figurina di una

l'oi liiseo col suo Deserto, Potiti con tre paesi di larga Psiche molto elegantemente mossa e sicuramente model-
e solida fattura, Vannutolli con un ritratto di una fan- | lata, il Cencetti quattro studi, e il Biggi delle terre cotte,
ciulla, fine e distinto, e il quadretto, tra gli altri, La \ Questi brevi conni avranno dato una idea al lettore

Primavera dove una bambinaia protendo lo braccia pei
coglierò dei fiori da un albero, cosi giusto, por il va-
lore dei bianchi, e così frescamente primaverile cho può
dirsi fra le cose più interessanti della mostra. E Joris

con lavori molto accurati nell'esecuzione so non sempre I lietamente giudichi il

veri, e Marius de Maria con duo quadri uno intitolato | I. B. S.

dell'importanza o della utilità di questo mostro: utilità
o importanza molto dubbie; o ora, quasiché queste due
non bastassero, so ne sta per aprire un'altra, quella dogli
icquarellisti in Roma. So l'annunzio può essere accolto

san

Per i lavori'pubblicati nell'ARCHIVIO STORICO DELL'ARTE sono riservali tutti i diritti di
proprietà letteraria, ed artistica per l'Italia e per l'estero.

Domenico (Inoli, Direttole responsabile

Roma-Tivoli] Società Tip.-Edit. Laziale
loading ...