Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 128
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.27
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.30
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0160
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0160
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
128

WJLIIMLM BODE

zino incui giaceva ed esposto al pubblico; l'antica coloritura è conservata bellissimo. Tutti questi
lavori devono provenire da Firenze o da'suoi dintorni, cosicché il loro autore si può ritenere con
certezza come fiorentino. Nella nostra riproduzione troviamo i caratteri comuni a tutte queste
sculture: lavorali1 ad altorilievo, si (anno subito notare per la strana e barocca mescolanza di

ALTARE FIORENTINO DEL PRINCIPIO DEL SECOLO XV

. (nel Bargello in Firenze)

forme «roflhiiicnle coliche e di altre-del Rinascimeli! o nella cornice. Nelle mosse incerte, nelle teste
piccole, nelle proporzioni non troppo l'elici, indie Lunghe e pesanti pieghe delle vesti, e nel modo
con cui queste ultime ricadono a terra l'ormando delle volute, finalmente india maniera di lavorare i
corpi, che sembrano privi di ossa e di articolazioni si rivela un artista cresciuto indie tradizioni del
trecento. La fronte grande e sporgente, il labbro superiore sopravvanzante, il mento breve e
loading ...