Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 178
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.27
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.37
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.38
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0210
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0210
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
178

BIBLIOGRAFIA

Una graziosa novità che pure attira il visitatore è tra
i bei lavori delle scuole-officine del Museo A. [. di Napoli:
un pavimento delicatissimo di effetto, bianco con petali
di rose sfrondato che vi sembrano cadute sopra. In questa
sezione si veggono puro dello belle decorazioni archi-
tettoniche per edifici in terra invetriata, cui fanno riscon-
tro le terrecotte decorative de' signori Biscarini e Ange-
letti di Perugia.

In generale lo scuole officine del Museo di Napoli
si fanno ammirare per la parte tecnica che è veramente
un gran merito di questo istituto, cui forse manca un
indirizzo artistico di miglior gusto nella parte plastica
specialmente.

E un tentativo che vorremmo veder imitato da artisti
di vaglia la grande lunetta a mattoni del signor Guglielmo
Castellani, la quale anche nella esecuzione è migliore de'
piatti e vasi orientali da lui esposti.

E qui ci torna in acconcio di ritornare su quanto
dicevamo prima, della pittura alla harbotine, la quale ci
sembrerebbe molto adatta, se trattata da artista di vaglia,
por la decorazione esterna degli edificii, imitando il tocco
dell'affresco, la vivacità della pittura ad olio e superando
in durevolezza lo stesso musaico.

La fabbrica Ginori rimane sempre per la sua autorità,
la più importante di quante ne esistono in Italia, e real-
mente in quanto a porcellane, non ha nulla da invidiare
alle più celebri fabbriche straniere.

Riguardo alle maioliche è deplorevole l'indirizzo arti-
stico della fabbrica; quantunque la esecuzione sia sempre

perfetta, molti oggetti risultano nel loro complesso di
cattivo gusto.

E una novità che ha fatto incontro nel pubblico la
imitazione de' vasi di bronzo del signor G. Sarti di Budrio,
cosa che manca, a nostro avviso, di buon gusto e falsa
l'indirizzo dell'arte, mascherando sotto mentite spoglie
quello che non ha coraggio di mostrarsi a viso aperto.

La signora Falsacappa Nannarelli ci offre l'applica-
zione della bella terra di Corneto alla modellatura de'
fiori a rilievo, con esito abbastanza felice.

Per necessità abbiamo parlato più a lungo della cera-
mica, giacché l'arte vetraria è molto debolmente rappre-
sentata, e quasi per nulla quella dello smalto. Fra gli
oggetti antichi abbiamo già notato la coppa di vetro
cristiana, le murrine ecc.; aggiungeremo qui i pochi ma
bellissimi saggi inviati dal Museo di Murano.

Di produzione moderna hanno saggi bellissimi la com-
pagnia Venezia-Marano per la imitazione degli oggetti
antichi in vetri colorati, e smaltati, in murrine e sopra
tutto per smalti da musaico. Merita pure considerazione
dal punto di vista commerciale, per eleganza e finezza,
la fabbrica del barone Franchetti di Venezia.

Da quanto abbiamo detto risulta dunque che, sebbene
nel complesso la riuscita della esposizione non sia del
tutto soddisfacente, pure raccoglie in se tanto da servire
allo scopo cui è destinata ed allettare anche gl'intelli-
genti e buongustai a visitarla.
Roma, marzo 1889.

Lucio Mariani

BIBLIOGRAFIA

I.

Storia generale dell'arte. Critica, Estetica ed Iconografia

Alt (F.). System der Kùnste, mit Rùcksicht auf die

Fragen der Vereinigung verschiedener Kùnste u. d.

Baustils der Zukunft dargestellt. Berlin, Grote, 1888,

in 8.° gr., pp. vin - 260.
Biblioteca (La) artistica. Voi. I. Roma, Tip. Aldina,

1888, in 4.o

Boemann (W.). Allerlei Aesthetisches ùber Natur und
Kunst. (Beilago der Allgemeinen Zeitung n. 312
u. 333).

Borrelli (P.). Il simbolismo e l'arte (In Cronaca rossa
di letter. scienza ed arte n.° 16.) Milano, 1888.

Borzei.li (A.). Ricordi d'arte. Casalbordino, Tip. N. De

Arcangelis, 1888, in 16°, pp. 143.
Brunner (S.). L'Art en Italie au moyen - àge et à la

Renaissance. Traduit de l'allemand par I. T. de Bel-

loc. Tours, Marne, 1888, in 8.o, pp. 237 con illustr.
Buttner (Dr. Franz). Adam und Eva in der bildenden

Kunst bis Michel Angelo. Leipzig, G. Wolf, 1888,

in 8°, pp. 67.

Champeaux (A. de). Les relations du due Iean de Berry
avec l'art italien. (Gazette d. Beaux-Arts 1888,
ler nov., p. 409).

Dreher (E.). Natur - und Kunstgenuss. Vortrag. Halle,
Pfeffer, 1888, in 8° gr.

Frimmel (Dr. T.). Quellenschriften fùr Kunstgeschichte
und Kunsttechnik des Mittelalters und der Neuzeit:
I Der Anonimo Morelliano (Marcanton MichieL's no-
loading ...