Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 212
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.39
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.41
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0248
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0248
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
212

FRITZ HARGK

(n. 22) con figure di grandezza naturale. L'unita riproduzione mi dispensa dal descriverlo e sarà
anche bastante a dimostrare infondata l'attribuzione che da molto tempo si fa di (mosto dipinto.
Esso va cioè sotto il nome di Gaudenzio Ferrari ed è nominato già dal Soprani come esistente
nella chiosa di S. Iacopo presso porta Lucia a Genova; di là passò nella collezione Sotly {Catalogo
della, vendita, 1847, n. 36), indi nella raccolta Wynn Ellis, e come facente parte di questa col-

INCONTRO DI MARIA CON ELISABETTA
(Colleziono Wcscndonek a Berlino)

lezione fu esposto nel 1857 nella « Exhibition of Art Treasures » di Manchester. Il Waagcn lo vide
ancora presso il sig. Solly, e ne fece una ampia descrizione. 1 Non riesco pero a comprendere come
quell'acuto osservatore possa chiudere colle parole «Questo quadro giustifica la grande fama di cui
godette questo pittore (cioè Gaudenzio Ferrari) nel suo tempo ed anche dopo ». A mio giudizio il
dipinto non ha proprio nulla a faro con questo maestro. Esso è bensì dell'alta Italia, come dimostra

1 Kunsttcerhe unti Kiinstler in England. ir, 9.
loading ...