Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 245
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.39
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.45
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0281
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0281
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
LA GASSA DI TERRAGINA

245

Nella nostra cassa trovatisi mostri alati con la testa umana, come quello sull'albero nella
rappresentazione del peccato originale, figura del demonio certamente derivata dalle credenze e
dall'arte orientale, dove pure furono imaginate fiere con testa umana e mostri alati, quali figure
dei geni malefìci; trovansi ippogrifì alati, centauri, chimere colle code serpentine e figure
umane colle corna sul capo oltre a tutti gli altri animali esistenti in natura, che vi alMamo
nolato: una collezione insomma di fiere e di mostri fantastici tutti in movimento ed in
lotta tra loro e cogli uomini, lasciata in retaggio dall'arte classica, e specialmente da quella orientale.

Poiché specialmente fino al duodecimo secolo l'Oriente non cessò mai, non solo d'imporre le
sue idee all'Europa occidentale, ma anche i suoi costumi e la sua arte. Pure in pieno medio evo
l'Europa non cessava di pagare all'Oriente un'imposta di lusso molto onerosa, come si può vera-
mente riconoscere anche da tutti gli oggetti orientali e dalle stoffe che di quel tempo ancora
ci restano. Era perciò naturale che nella completa decadenza dell'arte ornamentale greco-romana,

à v- f '- V'

"rM\ '• 'Pi

ti f

f ; • /•

f£ ■

CASSA DI TERRACINA
(Pareti laterali)

l'arte ornamentale dell'Oriente, che fin dall'antichità aveva mantenuto il suo stile convenzionale,
come più facile ad essere imitata, avesse il disopra anche nell'Occidente; e le prove ci possono esser
date anche dalla cassa di Terracina.

1 Io non so d'alcun altro esempio dei primitivi tempi Pure nel fianco destro della nostra cassa abbiamo
cristiani e del pieno medio evo, in cui il demonio ten- un quadrupede con faccia umana ; ma questo ha di
tatore di Adamo ed Eva sia rappresentato in altra forma più una coda terminante in una testa di drago; ri-
da quella d'un vero e proprio serpente, quale trovasi cordo certissimo dogli antichi geni della religione cal-
nolle stesse composizioni scolpite sui sarcofagi e in daica, quali incontransi ancora in qualche antichissimo
generale figurate nel medio evo. Forse l'identificazione cilindro caldeo (Cfr. p. es. la fig. 332 neìl'Histoire de
del serper» col draco e la voce umana, accordata l'Art dans l'antiquité di Perrot e Chipiez, Voi. II, nella
nella Bibbia al demonio tentatore contribuirono a quale varie specie di mostri sono rappresentate). Ani-
dar quell'imagine al mostro descritto. Molti sono gli mali con code serpentine ne troviamo spesso nelle anti-
esempi nell'arte del Rinascimento in cui il serpente chità caldaico-assire (Vedi per es. in Perrot, op. cit.,
tentatore mostrasi con faccia umana. — Mostri con sola voi. II,0 fig. 162).

testa umana, cioè specie di centauri senza braccia, tro- Ippogrifi alati, cavalli alati, grifoni alati, leoni ecc.,

vansi tra le sculture del S. Michele di Pavia, e cosi rappresentati nell'arte antica caldaico-assira, e nella

spesso incontriamo anche le sfingi alate, molto in uso persiana (Cfr. p. es. Perrot e Chipiez, op. cit. Voi. II,0

nell'arte antica in generale. figg. 279 e 280 ecc.) sono usati come motivo ornamen-
loading ...