Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 252
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.39
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.46
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0288
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0288
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
252

NUOVI DOCUMENTI

tatus Nursie, tam nomine suo pròprio, quam etiam ut
sanctonsis ecclesie S. Petri do dicto castro, ex altera,
sponte, diete partes, dictis nominibus, de comuni concor-
dia et voluntate elogorunt apretiatorom et extimatorom
magis'rum Jo. Antonium .Io. Baptiste ser Claudii pic-
torem de Nursia presentem et acceptantem ad extiman-
dum et aprotiandum quamdam capellam depictam per
dietimi magistrum Franciscum et fratres in altare dicti
Petri Pauli posito in dieta ecclesia. Item ad extimandum
et apretiandum unum presepium cum magis depictum
per magistrum Franciscum et fratres in dieta ecclesia
in pariete ipsius ecclesie cum niultis aliis figuris. »

(Prot. cit. c. 161). « In nomine Domini, Amen. Nos Jo.
Antonius Jo. Baptiste ser Claudii de Nursia apretiator
et extimator assumptus peritus et electus a m°. Franci-
sco Pertome Sparapanis de Nursia, nominibus quibus
in istrumento electionis, ad apretiandum et extimandum
quamdam capellam depictam per dietimi magistrum
Franciscum et fratres in altare dicti Petri Pauli posito
in ecclesia S. Petri do dicto castro, dicimus, extima-
mus et apretiamus dictam capellam factam in altare
dicti Petri Pauli 11. sexaginta quatuor, et dictum prese-
pium cum magis et aliis figuris, ut supra factis, triginta
octo ad rationem fi. duorum prò quolibet scuto. Et ita
dicimus otc. »

1539, 16 giugro — Lo stesso Francesco in compa-
gnia dei fratelli aveva preso a dipingere per i signori
Gibellini di Norcia una tavola d'altare, e già ne aveva
condotto a fine il tondo. L'istromento col quale i com-
mittenti danno a compire il quadro a Cola dell'Amatriee,
fu pubbica'o, come si ò accennato di sopra, nel fase. Ili,
anno I, p. 84 di questo periodico.

1543, 5 marzo. — Lo stesso si obbliga fare accettare
al fratello Girolamo il giudizio elio gli arbitri daranno sul
prezzo della figura da lui dipinta por gli uomini dell'Ospo-
dale, villaggio in quel di Norcia. L'obbligazione dice così:
(Rog. cit, prot. d. an. 1543, c. 51 t.)
« M.r Franciscus Pertome Sparapanis do Nursia ex
una, vice et nomine mag. Hieronimi sui fratria, prò quo
de rato, promisit et so principaliter obligavit, facturum
et curaturum ita et talitor etc. et Iacobus Antonius Cole
et Dominicus Nicole Petri et Franciscus Simonis de
villa Hospitalis comitatus Nursie, nomine et vico uni-
vorsitatis diete ville prò quo do rato promiserunt, et
se principaliter obligaverunt facturum et curatirrom ita
et taliter eie. partibus ex altera, litom causam et dif-
ferentiam inter dictas partes vertontes et que verti et
esse posset, occasione pretii cuiusdam imaginis et figure
sancti Laurentii, facta per dictum Hieronimum, diete
universitari, et deiiendontem et emergentem ab eisdem,
compromisorunt, et compromissum fecerunt in providos
viros Grifonum Zaz."> et Jo. Antonium Pauli Peruccincti
de Nursia, absentes tanquam presentes etc. »

Francesco, che dei tre fratelli Sparapani vuoisi
ritenere il maggioro, e il più valente nell' esercizio
dell'arte, addì 11 ottobre 1536 fece società con Iacopo
Montani in arte lane (Rog. M. Antonii de Fusconibus, |

prot. d. an. c. 240); Girolamo ai 18 aprile 1537 sposò
Lucrezia figlia di Angelo Carusi (Rog. cit. prot. d. an.
c. 134); Vincenzo il 5 giugno 1538 prestò il consenso
perchè le figlie del defunto Antonio Spampano facessero
una vendita (Rog. cit. prot. d. an. c. W.i). L'atto dimo-
stra evidentemente come tra la già nota progenie dei
pittori Sparapano (Giovanni, Antonio e Paolo) o il gruppo
di quelli che oggi viene a raddoppiarne il numero, ci
fosse uno stretto legame di parentela.

Adamo Rossi

Jehan Baudouyn, arazziere fiammingo

Nel 1866 al Museo retrospettivo d'arte industriale di
Parigi veniva esposta una serio di arazzi collo storie
del Fructus Belli e colle armi di don Ferrante Gonzaga,
cavaliere del Toson d'oro e capitano generale di Carlo V.
E noto che i cartoni di queste tappezzerie furono
eseguiti da Giulio Romano e una parte di ossi si con-
serva ancora nel museo del Louvre; non si sapeva però
chi ne fosse stato il primo committente e le molteplici
ripetizioni che se ne fecero nel sedicesimo secolo e nel
seguente, in Fiandra e in Francia, non davano su ciò
nessun lume. La lettera che segue, proveniente certo
dal disperso archivio Gonzaga di Guastalla, e che ho
potuto trascrivere presso un negoziante d'autografi, ci
fa conoscere il nome dell'arazziere elio esegui la serie
esposta nel 1866 dal signor Moreau, o ci dà altresì la
data del lavoro: ora non è fuor di luogo il credere
che i cartoni del Fructus Belli siano stati fatti apposi-
tamente per don Ferrante, se si tien conto dello strette
relazioni che correvano tra il pittore e il principe, già
illustrate dal Pungileoni e dal Ronchini.

U. Rossi

« Illustre, vertueulx et Magrme Princie.
« Commo ainsy soit que je Jehan Baudouyn povre
sorviteur et tappissier de vostre excellence a Bruxelles
en Brabant en fàisant l'histoire du Fructus belli, me
treuve grandement et tellement agravé que tout ce que
ma vie durant j'ay peu amasser, je y ay employé et
encoires, ce ne suffisant, je y suis au derriòre plus que
la somme de deux cens ducas d'or pour honnorablement
et fidélement servir vostre noble excellence commo j'ay
faict, et encoires ontendz fer jusques à la fin ot totalle
porfection de l'ouvraige de vostro excellence, osperant
que vostre noblesse tiendra et observéra do sa part les
bonnes promesKes que vostre magnificence, estant ensem-
ble ses nobles en ma povre maison, lors me feist quant
en desvelopant l'ouvraige de vostro seigneurio de l'hos-
tieu, en voyant le quel, je me complaindiz grandement
et remonstroys a vostre noblesse que ne me seroit nul-
lement possiblo le continuar et parachesver sy riche-
ment et de telle finesse d'estouffes comme je l'avoys
encommenchó pour lo pria quii estoit contraieté, sy je
ne me vouloys en tout destruiro et ruyner. A quoy
vostre excellence lors me va respondro, maistro Jehan
loading ...