Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 301
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.50
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.54
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0341
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0341
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
PITTURE DI MAESTRI ITALIANI

NELLE GALLERIE MINORI DI GERMANIA

ii.

La Collezione dell'Università di Bonn

llorchè nell'anno 1884 una gran quantità dei quadri che giace-
vano nei depositi del museo di Berlino fu divisa fra le collezioni
minori della Germania, ebbe la sua parte anche il gabinetto ar-
tistico dell'Università di Bonn: e la scelta delle pitture che adesso
furono assegnate, fu fatta con speciale riguardo alle esigenze degli
studi di storia artistica in una Università. Il numero degli studenti
che lamio della storia dell'arte l'oggetto della loro carriera scien-
tifica va in quest'ultimo tempo continuamente crescendo ; e, se fino
a vent'anni fa non c'erano che alcuni singoli i quali per speciale
inclinazione si dedicavano a tali studi, e questi pochissimi erano
abbandonati a loro stessi e dovevano cercare da loro la propria
via, oggi invece la storia dell'arte come materia speciale ha i suoi rappresentanti in tutte le
Università maggiori della Germania, e con precisione sempre maggiore vien formandosi un certo
metodo d'insegnamento. Come preparazione è richiesto lo studio della storia e dell'archeologia, e
lo studioso è in dovere di prender parte agli esercizi pratici di queste discipline. In tal modo si
deve ottenere una solida base per la esal ta ricerca ; e l'insegnante della storia dell'arte deve da
canto suo, oltre alle lezioni storiche, far l'are agli studiosi degli esercizi nel determinare e nel
descrivere le opere artistiche, per addestrare cosi la loro vista ed informarli ad una seria critica.

Questo sistema è senza dubbio lodevole ed utile ; esso combatte la pericolosa tendenza alla in-
determinata speculazione estetica, che nel campo della storia artistica si dimostra infruttuosa ed
anzi ingenera confusione; e conduce ad una maggiore precisione e coscenziosità nello studio del-
l'arte. D'altra parte nella formazione di un metodo determinato dell'insegnamento della storia del-
l'arte all'Università, che è necessaria conseguenza di tale sistema, vi è anche un pericolo: già ora,
come ho detto, si osserva che il numero degli studiosi cresce. Si comincia a vedere nella storia
dell'arte una materia come un'altra qualunque, e si dimentica che la prima condizione per
poter ottenere un qualche frutto in questo campo è una disposizione affatto speciale per tal genere
di studi. Chiunque non possieda questa disposizione e non si senta attratto da una forte, anzi ir-
resistibile inclinazione, dovrebbe essere sconsigliato nel modo più assoluto dal dedicarvisi. Il giu-
dizio però, se lo scolaro abbia veramente questa inclinazione o no, non potrà esser dato dall'in-
segnante se non dopo che lo avrà messo alla prova degli esercizi, e perciò appunto a questi deve
darsi nell'insegnamento il peso maggiore. Per ottenere un buon risultato gli esercizi devono essere

Arehìmo Storico dell' Arte. - Anno II, Fase. VII.

5
loading ...