Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 307
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.50
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.55
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0347
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0347
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
NUOVI DOCUMENTI

307

ritirare altro somme che il Roscotto era rimaste ad esi-
gere (e di ciò ne fa fedo la lunga pratica tenuta col
comune di Cortona), nello- stesso modo avessero cercato
di liquidare il conto della croce astile di san Medardo
di Arcevia, che Cesarino, come risulla dagli ultimi tre
documenti, avoa tuttora lasciato in sospeso.
Arcevia, luglio 1889.

Anselmo Anselmi

DOCUMENTO I.

« Annis dictis Mill.0 (1524) Indici et die XXVI Junii
Roche contrade in domo Forniti Peri Severini posita
in contrata Collis justa bona heredum Francisci Sanctìs
stratam Communis, landronem Communis et alia latora;
presentibus Jamperó Patri et .Io: bapta Andree testi-
bus etc.

« Magister Cesarinus aurifex Francisci (sic) do perusia
per se etc, promosse ot convene a Ser Percarlo Zitello
Polydoro de Sei' Francesco et Fornito de Pero, syndici
della chiesia de Santo Medardo dalla Rocha contrada
et M.° Piero Tidaldo, Ser Francesco pacino ot Jacomo
de Symone dalla dieta terra de construere fabricare ot
fare una croce de ariento tutta et integra de la logha
del carlino, juxta uno certo disogno et alquanto più
grande dato et monstrato por lo prefato m." Cesarino
alli prenominati syndici et homini predicti con le figure
et disegno clic in quello so contcne, ciò o da una faccia
con lo Crucifixi (sic) et altri sancti che in quello sonno,
et dell'altra faccia una pietà in mezo un sancto Jacomo
uno santo Medardo, santo Sebastiano et santo Rodio
et operata come parerà al m.°: ot con li altri ornamenti
che apparono noi disegno, et oro, ot dol pagamento di
decta cioco se offerisco a stare a juditio do doi homini
mastri nellarte uno da elegorsi por lo m.° et uno por
li prenominati homini et in eventu che la croce non
piacesse alli prenominati syndici et homini lui prometto
repigliarla: la quale opera promecte se compirà fra
8 misi proximi futuri, dandoso per elicti dandoso ci
fornimento, per li dicti homini por quel che bisognarà :
ex alio li supradicti dentur (sic) al decìo m.° per mano
de .Io: baptista do Andrea do bella fiorini cinquanta
do mo: nova ad 40 etc, in perosia ol quale m.° Ce-
sarino promecte al dicto Jo: baptista stipolante etc. in
nome et vece di decti homini in qualche bancho in
perosia o vero dove parerà al dotto .Io : baptista insieme
con Ms.r Dyonisio pacino. dando idonea cautione dello
prodette cose, le quali tutte e singole coso lo sopradecto
m.° Cesarino attenderà et observerà sotto omne sua
obligatione ot sic versavice dicti syndici .attendere et
observare promectono etc. jurando lo diete parti etc.
promectendo, etc. obligando etc renuntiando etc. »

(Rogiti di Maurizio Luzi dal 1524 al 28, carte 07).

DOCUMENTO II.

«Annis dictis (1520) millesimo, Pont. Ind.0 et die
29 Augusti 1520 actum in apotheca magistri Peri Ti-

daldi posita in platea do medio, juxta Domum ipsius
magistri Peri stratam de medio et alia latera presen-
tibus Dno. .Io: bapta. Francisci, Francisco Christofori 1
de Rocha contrada tostibus.

« Cum hoc fuerit et sit quod per magistrum Cesari-
num aurifìcem de perusia fuerit facta quedam crux ad
instantiam Ecclesie sancti Medardi prout manu mei
notarii apparot, et supra dieta crux fuerit aiiqua dilì'e-
rentia inter dietimi magistrum Cesarinum ex una et
deputatos et syndicos, dicto ecclesie ex altera, unde
dictus magister Cesarinus ex una ot Fornitus Peri Se-
verini ex altera vencrunt ad inviconi ad infrascriptam
convontionem, transactionem et pactum videlicet, dieta
crux deboat stare et manere ponos dietimi Fornitimi
usque ad festum omnium Sanctorum proximum futurum
ot quod interim eligantur homines in civitate perusie
vel alibi ad extimandam dictam crucem et facta dieta
extimationo diete crucis, dictus Fornitus obligavit sol-
vero et pagare dicto magistro Cesarino residuimi quod
ipse debot habore de dieta extimationo et in eventu et
casu quo dieta crux non fuerit extimata ad dietimi
tempus aut quod non fuorit inter ipsas orta concordia
promisit dictus magister Cesarinus roddere et rostituere
dicto Fornito fioronos cehfùni moneto, jam habitos ot
solutos, per dietimi Fornitura dicto magistro Cesarino
prò ut ipso magister Cesarinus confessus fuit habuisse,
et dictus Fornitus promisit reddore ot rostituere dictam
cruccili eidem magistro Cesarino, sod si usque ad
dietimi tempus fuerit dieta crux per dictos homines
communitor eligendos extimata, aut quod concordia
orta fuerit inter ipsos, dictus Fornitus promisit solvere
satisfacero ot pagare eidom magistro Cesarino residuimi
p'retii usque ad eomplementum extimationis prediete,
juraverunt etc, obligaverunt etc. »

DOCUMENTO III.

Seguita immediatamente quest'altro istrumento.

« Annis dictis. Pontif. Millesimo. Indictiono et die
loco et testibus, videlicet dicto Duo. .Io: baptista Fran-
cisci, ot Francisco Christofori Constantii, ot non rece-
dendo a dieta apotheca.

« Magister Cesarinus aurifex do Perusia per se suos-

1 Questo Francesco di Cristoforo (Costanzi) come si legge
nel Documento III fu un eccellente orafo di Arcevia, che fece
varie opere anche a Iesi c Loreto. Di altri orefici nelle mie
ricerche archivistiche ho rinvenuto notizie che raccoglierò in
un apposito studio per servire all'istoria di Quest' arte nobilis-
sima che nell'Umbria e nella Marca fu in gran fiore come ne
son prova gli splendidi monumenti che di tal genere si conser-
vano. Ecco intanto i nomi ili questi orati presso che ignoti
coll'epoca in cui fiorirono, e de' quali mi sarà grata qualunque
notizia mi >d potrà comunicare.

Giacomo da Gubbio fiori sulla fine del trecento, Pietro di
Niccolò da Fabriano sul principio del ■ quattrocento, Guido di
Antonio di Montebaroccio da Pesaro sui primi del cinquecento,
e Giammattco da Città di Castello nella prima metà del
secolo xvi.
loading ...