Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 309
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.50
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.55
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0349
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0349
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
NUOVI DOCUMENTI

309

Il contratto fu noto al p. Pungileoni ;1 ma l'accennò
appena, o noi riportare i nomi de' contraènti, scambiò
Franciscus Cardutie, in Francius Garduliae. Mi parve
qui elio mettesse conto pubblicare, come giace, la nota
dei vasi, tanto più che sono in bel numero, o formavano
una credenza veramente signorile.

II.-. Compagnia all'arte dei vasi di Adriano Bigazzini,
conte perugino, con Adriano di Cecco di Melchiorre,
maestro derutese.

(Archivio notarile di Perugia. - Rog. Bartholomei
ser Rainaldi, prot. 1529, c. 330). ■

« Anno millesimo quingentesimo vigesimo nono, ac
dio septima novembris - Adrianus Francisci Bigazini
do Perusia P. S. P.2 per se et suos heredes obligando
se et omnia et singola eius bona ex una patte prò ob-
servatione nomino suo proprio, et vico ac nomine Hie-
ronimi sui fratris prò quo de rato promisit, et Adreanus
Cecchi Melchiorris de castro Diruti agri perusini ex
altera per se et suos heredes, obligando se et omnia
sua bona prò observatione omnium infrascriptorum,
sponte eontraxerunt inter se sociotatem ad artem vaso-
rum et aliorum labóreriorum ex terra conficiendorum
per tenipus unius anni proxime venturi incipiendi in
kalondis decembris pi'oxime futuri anni presentis, et
finiendi ut sequitur exercendam dictam artem per dictum
Adreanum Cecchi in castro Cocchorani seu oius territorio.
In qua societate dictus Adreanus Francisci promisit et
convenit dicto Adreano Cecchi presenti stipulanti et
recipienti prò se suisque heredibus immittere fi. qua-
traginta ad rationem XL bon. prò fi. hoc modo videlicet
fi. decem in contanti quos dictus Adreanus Cecchi fuit
confessus et contentus habuisse et recepisse et habuit
et recepit presentibus dictis testibus et me notario in-
frascripto in contanti et pecunia numerata, de quibùs
ti. X dictus Adreanus Cecchi dicto Adreano Francisci
presenti stipulanti et recipienti prò se et suis heredibus
feoit finem refutationem liberationetìa et pactum de ul-
terius non potendo, et residuum diete quantitatis fi. XL
immictere in dieta societate, et dicto Adriano Cecchi
solvere ad omnem ipsius petitionem et terminum. Et
hoc fecit quod ipse Adreanus Cecchi dicto Adriano
Francisci promisit accedere ad dictum castrimi et cavare
terram, et ex ea facore experientiam in fabricando vasa
ac alia labororia et ad videndum si erit vel ne bona
dieta terra prò dicto exercitio, et si erit bona dictam
societatem et artem prosequi in dicto castro et suo ter-
ritorio bene et diligente!' et absque aliqua fraudo, et
in fino temporis supradictam societatem dividere et uti-
litatem ac lucrum partire hoc modo videlicet predictp
Adreano Francisci quartam partem totius lucri, et re-

1 Vedi Notizie delle pitture in maiolica fatte in Urbino,
Raccolta VanzolinI, Voi. I, p. 336.

2 Portae Sancii Petri.

liquas tres partes prò dieto Adreano Cecchi, detractis
prius missa ac campione prò dicto Andriano Francisci,
et ita dividere in fine temporis damnum quod Deus
advertat. Et ita remanserunt concordes, et voluerunt
diete partes ac ad invicem tacere promissionem. Ronun-
tiaverunt etc. juraverunt etc. sub pena dupli etc. quam
penam etc. qua pena etc. et promisorunt tacere confes-
I sionem etc. »

Coccorano, piccolo castello al nord-est di Perugia,
da cui dista un dieci chilometri, in antico era feudo
della nobilissima famiglia, da cui discendeva il nostro
Adriano. Se la prova della terra, di cui si parla nel do-
cumento, riuscisse, non lo sappiamo: nei contorni nes-
suna tradizione di maestri vasari, nessuna traccia di
vecchie fornaci, nessun frantume di maioliche. Solo mo-
dernamente in un podere della tenuta presso il fiume
Chiagio, si cavò della creta eccellente per fare mattoni
e brocche da olio.

{Continua) Adamo Rossi

Ritratti di Tiziano

E noto che Tiziano esegui il ritratto di Alfonso I,
duca di Ferrara, « con un braccio sopra a un gran pezzo
d'artiglieria», come scrisse il Vasari; e quello del
successore Ercole II. Il documento che qui riproduciamo
ci dà notizia di una replica de' due ritratti, commossi al
Tiziano.

A. Venturi

(Archivio di Stato in Modena. Cancelleria Ducale.
Dispacci da Venezia).

« Di Vinegia li ix di luglio 1555.
« Ill.mo et Ecc.™0 signore patrone mio oss.mo

« Monsignore di Eli' arriuó hieri da Roma, et domani
partirà per Inghilterra tutto pieno di desiderio di ser-
uire airÌ3cc.za Vostra, et il Granata ch'è con sua S.™
R.ma la supplica, à, uolerlo fauorire di accettare per
paggio imel Cugino del Duca di Noforc, di che lassò
la cura al signore Fiaschi, et fra' i, molti S.™ che por-
tano affettione all'Ecc.™ Vostra esso Granata n'è uno,
il quale per hauere il ritratto suo con lo dell' [11.™° S.r
Duca padre di quella, ha lasciato 50 scudi al Ticiano,
il qmile ha promesso di finirgli frà XV giorni, quando
che Monsignore di Lodoua lo uoglia seruire di quello
dell'Eoe.za Vostra, nella buona grafia della quale al
solito mi raccomando. Che serà in infinito.
« Di V. Ecc-za

« num." et deuotiss." S.ru
« Girolamo Fateti »

(forte) « All'Ili.1"0 et Eccm° signore patrone mio
oss.m» Il S.>' Duca di Ferrara. »

Archìvio storico dell' Arte - Anno II, Fase. VII.

6
loading ...