Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 314
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.50
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.57
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0354
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0354
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
314

MISCELLANEA

1511, 6 giugno. — Abita in Todi, dove un Pierfran-
cesco di Benedetto confessa aver da lui ricevuti ducati
25 d'oro p r trafficare di merceria i « Pierfrancus quon-
dam Antonii ser Benedicti de Tuderto regionis et par-
rocchio Sante Mario Camuccie sponte eonfessus et con-
tentus fuit habuisse et recepisse a magistro Iohanne
quondam Petri hispano pictore habitatore Tuderti per
manus Hectoris Iohannis aromatarii tudertini prout patere
dixerunt in quodam folio manu dicti Petri francisci, in.
arte trafìci mercerie, ducatos vigintiquinque auri ad
lucrandum et merchandum in dieta arte. Cum quibus
xxv ducatis auri dictus Pierfrancisous promisit artem
predictam bene legaliter et studioso lucrari et merchari,
et nullum iniquum lucrimi tacere, nec eos fenorari, ope-
rando et negotiando. et reddero rationem de capitali et
de lucro ad potitionom dicti magistri Iohannis, et de lucro
quod Deus acctribuat, integram medietatem eidem magi-
stro lohanni solvere promisit, et si danpnum evenerit,
quod Deus advertat, dictum danpnum pariter sit com-
muniter divisimi, et dictus Pierfranciscus teneatur noti-
ficare dictum danpnum infra tres dies a die recepti dan-
pni, et aliter dictus magistor Iohannes ad dictum dan-
pnum minime contribuere teneatur, et hoc do voluntate
et expresso consensi! dicti Pierfrancisci, et omnia danpna
etc. Renuntians etc. » a

1512, 25 settembre. — Il suo procuratore Giovanni
Brunotti di Spoleto, soddisfatto tanto del capitale quanto
del guadagno, ordina che il suddetto istromento si can-
celli. 8

1513, 9 ottobre. — Per la pittura della cappella di
M. Agamennone in duomo, aveva già ricevuto fiorini
nove, e in detto giorno ne riceve duo a saldo. *

1515, 11 febbraio. — Ricevo da messer Giovanni ope-
raio fiorini sette per resto delia pittura della cappella
di donna Clarice. s

1510, 18 gennaio. — Il ministro ed il massaio dei
frati del terzo ordine di S. Francesco, gli allogano a
dipingere la tavola dell'altare di S. Caterina posto nella
chiesa di detto santo. 6

« Actum in sacristia ecclesie inferioiis sancti Fran-
cisci, presentibus etc. .Serafinus Calassi Michaelis de
Assisio minister fratrum tertii ordinis beati Francisci,
Marchus Salvis Marchi massarius elicti ordinis, Mariottus
Hieronimi et Antonius Federici Filiputii de assisio fratres
dicti tortii ordinis eorum proprio nomine et vice et nomine
omnium fratrum dicti tertii ordinis asseruerunt predieta
et infrascripta tacere ile voluntate et consensi! omnium

J I! nome dèi padre di m. Giovanni in quest'atto, che pei*
essere affatto sconosciuto e curioso qui letteralmente si ripro-
duce, è preceduto da un quondam.

2 Archivio vescovile ili 'l'odi. Rog. di Alessandro di sor Poi-
Mone, liast. 1511, c. 67.

3 Bast. cit., C. cit.

* Archivio capitolari: di Todi. Entrata ed uscita del 1513, e. 73.
0 Archivio sudd., frammenti di libri di Entrata (iti uscita, c. 7~ t.
13 V istromento è inedito. Ricordo di averlo comunicalo al
prof, Cristofani che lo cit'» nella Guida di Assisi.

aliorum fratrum dicti tertii ordinis sponte etc. dederunt
concesserunt et locaverunt magistro lohanni alias ditto
Spagna presenti et accipienti ad depingendum quamdam
tabulam quae stat in altare sancte Chatarino posito in
ecclesia Sancti Francisci. Qui magister Iohannes alias
ditto Spagna por so et suos heredes promisit dictis Sera-
fino Marcilo, Mariotto ed Antonio dictam tabulam prout
est fabrichata secundum designimi por ipsum niagi-
strum Iohannem eisdem datura etc. bonis coloribus et ap-
ponere aurum ubi erit necesse, et tacere ad usura boni
magistri, et reddere oam bene pictam et ornatam per
totum mensem junii proxime futurum omnibus sumpti-
bus et expensis dicti magistri Iohannis. Et hoc facit
dictus magistor Iohannes prò eo quia dicti Serafinus
Marchus Antonius et Mariottus et quilibet eorum in sol-
lidum proraiserunt dicto magistro lohanni presenti sti-
pulanti et recipienti prò se et suis heredibus dare et effec-
tualiter solvere prò eius magistorio et labore florenos
centum ad rationem Lta boi. prò quolibet floreno, hoc
modo vid. tertiani parteni dictorum centum rlorenorum
in principio dicti laborerii, aliam tertiam partem in medio
dicti laborerii, et ultimam tertiam usque ad medium
mensem augusti proxime futuri. Quos centum florenos
dictus Serafinus Marchus Antonius et Mariottus et qui-
libet eorum in sollidum renumptiantes exceptioni non
numerate pecunie, fuerunt contenti et confessi habuisse
et recepisse in depositum et nomine depositi ad instan-
tiani dicti magistri Iohannis presontis, et eos retinero
ad omnem eorum et cuiuslibot eorum periculum rischium
et fortunam et elapsis dictis terminis et quolibet eorum,
promiserunt, et quilibet eorum promisit reddere et resti-
tuore dictas summas dicto magistro lohanni ad omnem
eius instantiam etc. 1 ».

1516, 15 luglio. — Nello zoccolo del trono della tavola,
come sopra allogata si legge A. D. MCCCCCXV1. XV
IVLI.

1516, 13 agosto. — II capitolo della cattedrale di
Todi gli alloga la pittura del tabernacolo dell'organo,
per la quale si obbliga pagargli ducati 115 e fornirgli
la stanza da lavorare; l'artista promette fare tutte le
altre spese, cominciare il lavoro non più tardi del mese
di agosto e non levarne le mani fino al compimento. 2

1516, 11 novembre. — In questo giorno il capitolo
gli assegna la stanza, che era la vecchia scuola dei
chierici, subaffittata alla sagrestia per carlini 17 all'anno,
fino a che avesse bisognato allo Spagna. 3

1516, 21 novembre. — Arrestato in Macerata, per-
chè colto armato di spada mentre dalla casa di sua cognata
se no tornava alla propria, il consiglio, attesi i suoi buoni
costumi, e ritenendolo incapace di fare scandali, lo grazia
e ripone in libertà. 4

1 Archivio notarile di Assisi. Hot/, di Filippo Batrucci, prot.,
1514-1526, e. ìli t.

3 Archivio capitolare di Todi. Memoriale ad diem.
3 Loc. cit.

1 Vedi in questo Archivio, anno J, fasci III, loc. cit.
loading ...