Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 346
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.58
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.61
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0389
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0389
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
346

ADOLFO VENTURI

cardinale Ippolito I d'JEste, arcivescovo di Strigonia, che s'apprestava a partire per l'Ungheria. 1
Olire al pagamento dei dipinti, ricevette il dono di damasco nero, 2 e, nell'anno seguente, il condono
della imposta di gabella per un acquisto fatto da lui e da' suoi fratelli.3 Nel 1487, egli è inscritto
fra i salariati della corte, e riceve lire 240 marchesine all'anno, salario vistoso, uguale a quello
percepito dai fattori generali del duca e dai capitani dei più importanti castelli. Egli sostituì Gosmè
Tura, già vecchio e infermiccio, e fu sin dal giorno della sua entrata in corte il pittore ufficiale
e prediletto dogli Estensi. Al di fuori della corte, non intraprese lungo il periodo 1486-96, secondo
quanto si sa per documenti, che nel 1494 la dipintura di una tavola d'altare esprimente l'Annun-

cia. 4. — DISEGNO DEL « BACIO DI GIUDA »

(Gallerìa degli UiTi/.i in Firenze)

dazione di Maria per la chiesa di Santo Spirito, con una cimasa rappresentante Dio Padre, e una
predella recante l'istoria della Natività, 'della Adorazione dei magi e della Presentazione al tempio,
separate tra loro da due pilastrini recanti le effigie de' quattro santi. 1 Gliene diede commissione

berti depintore contanti por comprare '/., do azuro
oltramarino per dopingero uno suo quadrcto L. li. s. d. »

1 Arcb. sudd. — Libro del Card. Ippolito I, 1487,
a c. XL:

« E adi xxviij ditto (maggio) L. octo m. per la sig.
sua a Nicolo dala farina banchiere per tanti elio Iùj
ha pagati contanti a in» hercule di roberti depintoro
por oro et factura de uno quadretto doligno per laudata
de sua sig. in ongaria al m.'" c. 25. e questo da luj a
c 41. — due. L. viij. s. d. »

2 Arch. sudd. — Registro di spese di Eleonora tenuto
da. Gerolamo di vicenti, 1478-1487: a c. 17, I4SG.

« E adi 13 de otobro L. novo s. sei d. viij in. per
lo pretio do brage dea e un terligo do dalinaseo negro
a raxon da L. quatro in. il braccio e por soa S. a m°
orculle de ruberti depintore de comisiono del fra fa-
tare del Sp." brandelixe do troti et mese de soa S.
L. 9. s. 6. d. 8.»

J Vedi doc. 4 a pagina antecondente.

4 Cfr. Cittadella, Documenti ecc.
loading ...