Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 350
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.58
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.61
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0393
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0393
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
350

ADOLFO VENTURI

altri principi e gentiluomini. Tornò il pittore ih frutta a Ferrara, non sentendosi bene in salute 1
e sottraendosi alle voglie artistiche di Isabella d'Este.

Nel 1491 Ercole de' Roberti non era ancora del tutto pagato de' suoi lavori, e fu allora che
dettò la lettera commovente, di cui diamo qui una riproduzione.-

m*'^^/*- à«,.~U«^L- ^«Wtpe

A-La .'/w-A/ «'/fvn ?5 y^ivt /Jvk" tjU^J^ Aot-A <*M'V-^

rr«' ^ru^y/t T r^mtk.TyxH^ f\'j)v I UrV (^~. W /<» f*f*/f# « " >^T~ '

U«tio rv[Ui.™At*m K* : \>7x4v "Vrvi'^ ,/lj>ri<rz. ^m.^, C,*.*fJy,Lrr

1 Vedi Oampori, op. cit.

2 Illuslrissime & Excellontissimo princops domino ot
diix mi ctc. Perdio nostra oxcellcntia forsi erodo elio
sia richo, ot che habbia qualche facilità: essendo tuto
lo opposito no dico che buio pouoro homo, ot altro non
nho so non le braza, e (juella pocha do uertu mo ha
dato dio. cum la quale bisogna proueda al uiuer mio
o de la mia dona e fioli, oltra ohe uoria pur fare qual-
che dota ala uechieza, sino che sunto apto a portar il
pexo : Et a questo fino me sum conzato cum uostra ex-
collontia per seruir quella ot lauorar sempre corno ho
facto e faro fin che uiuro. Di che ui prego Iotendiatj il
facto mio et sol mio pensiero mi sucedera, poi iudicara
uostra Signoria segondo il parer suo.

Signor doppo che sum stato cum nostra Signoria
che non no molti anni corno sapotj mi auanza in camara
por resto, lire 567 marchosine non so so posso io che
non nho concile far quello che seria ol mio desiderio

ot che e necessario cho faci: non pigliando da voi so
non quanto di zorno in zorno quasi possi uiuere costu-
matamente: undo unico Signor mio Supplico uostra
Kxcellontia quella uogli un pocho por mento al facto
mio, et considerar la facilita et capital de la mia virtù,
cum la quale e necessario che mi proueda ut supra:
et ehel mezzo degli anni mei se ne ua, et non nho
altro principio ni inuiamento se non lo apozo e speranza
de Vostra signoria cum cuj mi auanza do quei denari :
et non li posso auere ni speranza de auerli mi uien
dato : Poi uostra excellentia so dignara far prolusione
al facto mio, e tale che ogni pensiero affanno e fasti-
dio lo caro in uostra Signoria ali pedi de la quale
sempre me ricomando. 19 marcij 1491.
Kxcellentio vestro Seruitor hercules de robertis

pictor

(foris) 111.ci Ex."' duci ferr.

duo. suo sing. — M" Hercule.
loading ...