Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 371
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.58
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.62
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0414
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0414
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
SAN PIETRO DI TOSGANELLA 371

cui accennai, sono scolpiti nelle due lunette sulle porte laterali un' aquila, un serpente lottante col
leone ed una tigre; e altre due teste di leone sono infisse sovra le due porte fra gli archetti
superiori: teste antiche di scalpello romano.

Nella facciata del dodicesimo secolo i grifoni alati, il serpente attorcigliato intorno alle braccia
di un uomo, Orfeo che suona la lira, il buon pastore portante la pecora e serpenti alati, e volpi

PORTA LATERALE DESTRA NELLA FACCIATA DEL SAN PIETRO DI TOSGANELLA

e triplici teste di gorgone ed altre simili sono il tributo pagato anche dalla scuola cosmatesca alla
manìa dei simboli. Dei quali sarebbe inutile sfoggio di facile erudizione dare qui il significato volgare.

Una sola torre campanaria stava piantata in prossimità della nave che è a sinistra di chi
guardala facciata: la costruzione delle mura che ancora ne rimangono si dimostra identica a
quella della prima chiesa. E ciò è confermato dal fatto che troppo vicina ne sarebbe stata la collo-
cazione: vicinanza estrema cagionata dal successivo prolungamento della basilica. L'unicità e l'ubica-
loading ...