Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 411
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.67
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.70
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0456
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0456
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
LA CHIESA DI S. GIOVANNI DE' FIORENTINI A VITERBO 411

e la cortese menzione che se ne fa nella << Coryciana » stampata in Roma per Ludovico Vicentino
e Lantizio Perugino nel 1524.

La larga, ardita e pur sapiente modellatura, il carattere meravigliosamente vero di quel volto
pieno di espressione p ili vigore confermano essere quel busto opera di Andrea della Robbia; e L'im-
pronta ancora freschissima delle dita, i pentimenti riparali alla brava, il carattere tutto d'improv-
visazione che nell'intiera opera si manifesta mi fanno credere essere questo il modello da cui il
Della Robbia aveva divisato trarre poi il marmo. '

BUSTO IN TERRA COTTA DI ANDREA DELLA ROBBIA
(chiesa di S. Giovanni de' Fiorentini in Viterbo)

Viveva in q-.iol torno in Viterbo Vittoria Colonna, e assai volte .Michelangelo fu a trovarla ed
in molti severi ragionamenti si intratteneva con lei. Il nome glorioso dell'artista attrasse cerio
i generosi mecenati Viterbesi a chiedergli consiglio circa le opere d'arte delle quali intendevano
adornare i templi della bella città. A ciò parrai debbasi attribuire il fatto che, mentre Viterbo novera
tre insigni opere di Sebastiano del Piombo, nessuna traccia Vi si trova di Raffaello 0 della sua scuola.

I Dai registri della chiosa:«11 Ottobre 1509 ad Andrea 7 Febbraio 1510 per il busto pagati per conto Alma-
do' Robbia per le figure sopra la porta ducati sodici. diano dal banco Chigi ducati setto. »
loading ...