Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 473
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.76
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.79
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0520
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0520
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
RAFFAELE CATTANEO E LA SUA OPERA

473

possano stabilire nettamente la correlazione di epoca fra il S. Ambrogio ed altri edifìcii di cui sia
sicura la data di fondazione. Questo studio di raffronti sinora non venne tentato in modo positivo
per il S. Ambrogio, giacché i principali argomenti addotti dagli scrittori che hanno discusso sul-
l'epoca dell'atrio in questione, si basano quasi esclusivamente sul testo della ormai famosa iscrizione
funeraria di Ansperto conservata nell'interno della basilica, nella quale, assieme al ricordo di
molte opere edilizie compiute da questo arcivescovo, si legge il pentametro:

ATRIA VICINAS STRVXIT ET ANTE FORES

il quale si è prestalo a svariale interpretazioni. Non è qui il caso di fare una dissertazione intorno
a questo pentametro: basterà ricordare come il Puricelli lo abbia interpretato nel senso che Ansperto
ebbe a costruire l'atrio dinanzi alle porte della basilica, ritenendo che la parola vicinas, consi-
derala la collocazione della lapide, non lasci alcun dubbio
che la frase si riferisca alla chiesa di S. Ambrogio.

Il Cattaneo, dopo avere riportato tale interpretazione,
che fu accolta senza difficoltà sino ai nostri giorni da molti
scrittori e che egli stesso accetta nel senso che le parole
Atria e fores si riferiscano proprio a S. Ambrogio, fa os-
servare come il pentametro non possa autorizzare la con-
clusione che l'atrio costrutto da Ansperto, cui allude la
lapide, sia quello che tuttora si conserva, giacché egli ri-
tiene che la costruzione di Ansperto dovesse avere i ca-
ratteri degli antichi quadri-portici a colonne delle primi-
tive basiliche, mentre l'atrio attuale non sarebbe che una
ricostruzione del secolo xn contemporanea all'innalzamento
del campanile dei Canonici, a destra della basilica. 1

L'argomento principale al quale si appoggia il Cattaneo
per avvalorare tale spostamento di epoca, che non è indif-
ferente giacché abbraccia più di due secoli e mezzo, é il
seguente: stando alla lapide, Ansperto avrebbe costrutto
davanti le porte un atrio, il quale doveva quindi girare il
cortile non soltanto pei tre lati anteriori, ma anche per il
quarto, lungo il muro della chiesa: ma poiché questo lato
dell'atrio non si trova semplicemente addossato alla basi-
lica, ma è immedesimato nella costruzione stessa della
fronte della chiesa, che si innalza in corrispondenza alla
parete esterna di questo portico, così — osserva il Cattaneo —

Figura A. - ORNATO DELLA PORTA MAGGIORE non si sartìbbe Potuto a strelto riS01'e dire che AnsPerto
BEL S. AMBROGIO A MILANO aH)ia innalzato l'atrio davanti alle porte, bensì davanti la

facciata della basilica. Oltre a ciò, il Cattaneo riporta il
fatto, già noto e constatato nelle recenti illustrazioni del monumento, che i tre lati anteriori del-
l'atrio non si presentano costrutti contemporaneamente al quarto lato corrispondente alla fronte,
pel l'alto che gli archetti della cornice di questo lato continuano anche nelle tratte che rimasero
nascoste in seguito all'aggiunta dell'atrio. Per queste due considerazioni, egli ravvisa nell'atrio
attuale una costruzione affatto distinta da quella di Ansperto, e in tale opinione egli si sente

i II Cattaneo dà al pentametro quelita costruzione:
Et siruxit atria ante vicinas fores. Dell'altra interpre-
tazione per la quale il vicinas si farebbe accordare con
atria, non vale la pena di parlarne: accenniamo solo che
la ragione portata dal Cattaneo per rigettarla, quella
cioè che se la s di vicinas fosso un errore dello scultore

e si dovesse legger vicina Va sarebbe breve, mentre per
la ragione metrica occorro in quel posto una lunga, non
è esatta: Va sarebbe ugualmente lunga per posizione
1° perchè precede la parola Struxit che comincia con
tre consonanti, 2° perchè cade su di essa la prima
cesura del pentametro, onde si ha la posa.

Archivio storico dcìl'Arte. - Anno II. Fuse. XI-XII

5
loading ...