Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 476
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.76
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.79
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0523
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0523
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
476

LUCA BÈLTRÀMl

ricercare chi possa essere questo maestro Adamo ; e ricordando come le porte della basilica siano
state restaurate al tempo di Filippo da Lampugnano (1196-1206) e come appunto nel 1206 si trovi
un maestro Adamo d'Arogno intento ai lavori della cattedrale di Trento, si mostra inclinato a
ritenere che il maestro Adamo del S. Ambrogio possa essere la stessa persona dell'architetto di
Trento.

Tale ipotesi non sarebbe affatto azzardata e può incoraggiare quelle ricerche e quegli studi che
servano a convalidarla.1 Ma dove le deduzioni che ne ricava il Forcella si presentano eccessive
si è nel ritenere senz'altro, pel solo fatto di quelle due parole, che tutto il lavoro della cordonatura
■— che secondo la tesi del Cattaneo dovrebbe essere del secolo ix — sia invece opera dèi secolo xit.

Due parole incise sopra un importante frammento decorativo non possono così facilmente attestare
che tutto il frammento sia dell'epoca stessa della iscrizione, specialmente quando questa ha una
posizione anormale trovandosi, come si disse, capovolta.

Noi crediamo si possa cosi spiegare questo fatto ; alla fine del secolo xi o nei primi anni del
xn la porta di S. Ambrogio subì dei restauri : si può quindi ragionevolmente ammettere che varii
pezzi della porta siano stati levali per le opere di riparazione necessarie, il che era tanto più facile
per quei pezzi che non si legavano alla struttura muraria dell'edificio, come sono appunto le cor-
donature già menzionate di fianco agli stipiti della porta. E che queste due cordonature siano

tivo dei frammenti, per cui non possono costituire un
elemento sicuro per studi e raffronti.

1 Maestro Adamo d'Arogno (diocesi di Como) e i
figli di lui costrussero buona parte del duomo di Trento,
come attesta la lapide che ancora si vede nella parete
esterna dell'abside maggiore: « .... hujus Ecclesie opus
incepit et construxit Magister Adam do Arognio di-

mane Diocesis et circuitimi ipso, sui filii, inde sui Apla-
tiei cum appendiciis intrinsoce ac extrinsoco istius Ec-
clesie magisterio fabricaverunt. » Basta però esaminare
la decorazione estorna od interna del duomo di Tronto, per
convincersi cho maestro Adamo non può essere l'au-
tore della decorazione della porta maggiore di S. Am-
brogio.
loading ...