Archivio storico dell'arte — 2.1889

Seite: 481
DOI Heft: 10.11588/diglit.17348.76
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17348.80
DOI Seite: 10.11588/diglit.17348#0528
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1889/0528
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
NUOVI DOCUMENTI

481

mini Archiepiscopi Cusentini duo frisi, florenos tres in
totani.

« Item prò sex scutis lingneis (sic) dipictis cum in-
giglila sanctissirai domini nostri pape, quae sunt in fo-
reria, prò carlenis octo prò quolibet.

« Item in palatio in cubiculo domini Bernardini Ga-
niber. duo insignia sanctissirai domini nostri pape et
tria sua, florenos docem.

« Item in palatio in Camera Reverendi domini Ar-
chiepiscopi Beneventani una insignia sanctissimi domini
nostri, una magna fenestra cum duobus suis insigniis,
florenos decem.

« Item fenestras novom irapannatas in logia sanc-
tissimi domini nostri pape cum insignia ejusdem Sanc-
titatis et alia ornamenta, carlenos duodecim prò quo-
libet, florenos undecim, boi. 60.

« Item in orto secreto sanctissimi domini nostri duo
magna insignia, florenos duos.

« Item supra portam Camere speditionis una insignia
sanctissimi domini nostri pape, fl. 1.

« Item quatuor banderie sirici cremosini, videlicot
unum magnum gagliardum cum tribus quatris cum in-
signia sanctissimi domini nostri pape auri et argenti,
florenos soxaginta, prò quolibet summa, ccxl.

« Item prò tribus pennonis prò trombone et pifaris
Castri Sancti Angoli, summa fior, vigiliti.

« Itera prò tribus banderiis magnis bucchacini prò
arce civitatis Spoloti cum insignia sanctissimi domini
nostri, in summa florenos quatraginta quinquo.

« Item prò una insignia marmorea sanctissimi do-
mini nostri pape ornato auri et azuri, florenos octo.

« ltom prò reparatione supradictarum banderiarum
sirici, que qualis sit non potest extimari, summa flo-
renorum sexdecim.

« Constituentos in totum summam florenorum trecon-

torum nonaginta novem boi. 45.......(sic) prò suprascriptis

rebus, ut apparot in cedula per magistrum Antonacium
pictorem et Johannem Petri Turrinum revisa et sub-
scripta et in Camera Apostolica approbata. »

(Ibid. — Mandati, 1488-1490, fol. 38).

1488, 25 novembre. — « Magistro Petro Matheo de
Amelia pictori florenos sexaginta novem de Karlinis
decora prò florono prò pluribus et divorsis labororiis per
eum factis in tinelo majori, dispensa, et certis aliis
locis apostolici palatii ac duabus armis depictatis (sic)
in logia ante Audientiam dicti palatii. »

(Archivio segreto Vaticano. — Introit. et Exit., 1491-
1492, fol. 92, 93).

1492, 27 giugno — « Spectabili viro Pier Macthoo do
Amoria pictori, salutem, etc. Cum facto tecum caleulo
et computo finali do omnibus picturis, banderiis et
aliis quibuscunque laboreriis per te factis usque in prò-
sontom diem, illis dumtaxat exceptis quas et que in loco
qui dicitur Belvedere et in palatio apostolico supra Au-
dientiam apostolicam fecistis (sic) et facis ad presens, ac
etiam illis prò quibus habes mandatimi soxagintanovem
fior. sub. data xxv monsis novembris 1488, debeas ha-

bere prò omni residuo pretii tibi debiti ducatos sexcentos
auri in auro de Camera, nobisque in Camera apostolica
cum instantia supplicaveris ut tue super hoc indonnitati
oportune providere dignaremur. Nos tuia equis postu-
lationibus annuentes teque gratiis et favoribus quibus
possumus in hac parte prosequi cupientes, de speciali
mandato, etc, ac autoritate, etc, communicato quoque
Consilio, etc, te in dieta quantitate sexcentorum duca-
torum veruni ipsius Camere creditorem eandonque
Cameram tibi in eadem summa efficaciter obbliga-
tam in primis affìrmamus, etc, volumus et tibi te-
nore presentami concedimus ut finito tempore conven-
tionis exactionis sive receptionisintroituum spiritualium
ad eandem Cameram apostolicam pertinentium, facte et
concesse per ipsam Cameram socie tati de Saulis quan-
titatem predictam ex eisdem introitibus quos tibi prò
dictis soxcentis ducatis specialiter obligamus per te vel
alium seu alios licite et libero habere, percipere et con-
sequi possis et valoas. »

Fa meraviglia che non si trovi al servizio d'In-
nocenzo Vili un pittore cosi illustre come Melozzo da
Forli, che ora stato uno dei favoriti del papa antece-
dente Sisto IV. Ciò è giustificato dallo relazioni in
cui l'artista fu con quest'ultimo, e principalmente col
nipote di lui, Girolamo Riario, signore di Forli. Secondo
ogni probabilità il pittore si ritirò spontaneamente nella
sua città nativa, dove l'attendevano i favori del conto Ria-
rio, che sotto il nuovo pontefice era caduto in disgrazia.
Como è noto, Melozzo mori a Forli l'8 novembre 1494. 1

Fin dal primo anno del pontificato d'Innocenzo Vili,
il cardinale Giuliano della Rovere aveva cercato di far
venire definitivamente il Mantegna a Roma per compire
le stanze del Vaticano. 2 Finalmente, nel 1488, il papa
ottenne a forza di preghiere dal marchese di Mantova
che gli lasciasse per un paio d'anni l'illustre artista
che i principi di tutta l'Italia andavano a gara nel di-
sputarsi. Dal 1488 al 1490 il Mantegna decorò per lui una
piccola cappella posta nel palazzo apostolico. Questa cap-
pella fu distrutta verso la fine dello scorso secolo dal
pontefice Pio VI, che in questa occasione diede prova
di uno spirito veramente vandalico, giacché non solo
non ebbe la cura di far staccare dal muro gli affreschi
del celebre pittore, ma non ne fece nemmeno fare un
disegno. A quell'epoca nessun amatore illuminato dogna-
vasi di dare un'occhiata a questi maestri, che oggi invece
sono cosi splendidamente vendicati del dispregio d'allora.

La cappella d'Innocenzo VIII, secondo le indicazioni
del Taja e dello Chattard, i soli autori che, oltre il
Vasari ed il Ridolfi, ci abbiano lasciata una minuta
descrizione degli affreschi del Mantegna, era quadrata
con quattro archi che ne sostenevano la volta. Sopra

1 A. Sciimarsow, Melozzo da Forlì, pag. 204.

2 Intorno al soggiorno ed ai lavori del Mantegna in Roma si
trovano particolareggiate notizie nelle Lettere pittoriche del
BoTTARIj edizione Tieozzi, toni. VOI, pag. 20 e seg. (ristampate
più correttamente dal D'Arco, tom. II, pag. 20-22) e nel Gave,
Carteggio.

Archivio storico dell'Arte. - Anno II. Faac. XI-XII

0
loading ...