Archivio storico dell'arte — 3.1890

Seite: 101
DOI Heft: 10.11588/diglit.18089.10
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18089.11
DOI Seite: 10.11588/diglit.18089#0113
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1890/0113
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LE OPERE DI MINO I)A FIESOLE

101

vedere in queste figure schiacciate tornare le solite linee dure e i soliti angoli acuti, specialmente
sotto il ginocchio. Nella figura del cardinale si noti la gamba che non posa in terra: male attaccata
al fianco, essa è volta in fuori e pende come inerte. Questo non è un fatto accidentale ma costante
nelle figure di Mino, specialmente in quelle schiacciate dentro le nicchie: si può vederlo anche
mila figura del Santo che gli sta incontro, e anche meglio nel san Giuseppe della Natività, e in

Fm: 7. — L'ANNUNCIAZIONE DI MINO I)A FIESOLE

due degli angeli presso allo stesso santo; e questa nota caratteristica incontreremo anche in seguito,
iu lavori d'età diversa. Altre note invece sono caratteristiche dell'arte di Mino solo in questo periodo,
come ad esempio il modo di accomodare le gambe e i panni sopra di esse, nelle figure siedute
di faccia; le gambe formano due linee pressoché parallele, per lo più pendenti da un lato, o si
allontanano nello scendere. Quando scolpiva questa madonna e i santi che vedremo tra poco egli
loading ...