Archivio storico dell'arte — 3.1890

Seite: 102
DOI Heft: 10.11588/diglit.18089.10
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18089.11
DOI Seite: 10.11588/diglit.18089#0114
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1890/0114
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
102

DOMENICO (INOLI

non aveva ancora trovato la forma geometrica dentro cni invariabilmente dispose le figure sie-
dale nel suo ultimo periodo di Roma.

Le altre ligure minori che adornavano il tabernacolo, non tutte eseguite colla stessa accura-
tezza, hanno però tutti i caratteri individuali dell'arte di Mino.

Nell'Annunciazione (Fig. 7) l'angelo inginocchiato, con un giglio nella sinistra, saluta la Ver-
gine, che sta in piedi modestamente davanti a lui: il solito tipo di madonna, alquanto grossolana

Fig. 8. — SAN PIETRO E SAN PAOLO A PIE' DELLA CROCE DI MINO DA FIESOLE

e materiale. Nel lato opposto, san Pietro e san Paolo, coli impeto di fede, alzano energicamente
il braccio verso la croce, attestando che Cristo è figlio del Dio vivente (Fig. 8). Nel quarto lato
verso la tribuna, era la mezza figura del Redentore, che pare in qualche parte non finita (V. Va-
lentin!, tav. lxxyi). La destra è levata in atto di benedire, la sinistra è appoggiata su d'un volume
aperto. Le sopracciglia sono fortemente gonfie, con un solco profondo nel mezzo che viene a ca-
dere come un chiodo sul naso.

\
loading ...