Archivio storico dell'arte — 3.1890

Seite: 110
DOI Heft: 10.11588/diglit.18089.10
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18089.12
DOI Seite: 10.11588/diglit.18089#0122
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1890/0122
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
110

FRANCESCO G. CAVAZZA

Diversi cronisti e storiografi ricordano che nel 1339 Taddeo Pepoli signore di Bologna collocò
solennemente a suon di pifferi un anello d'oro nel canto del Palazzo dalla parte della via Cavallara,
che in quel tempo lo divideva da quello della Biada. UH istoria Miscelici 1 riferisce che con tale



Wm,

il1



■ ■ •

/tuffiti:

PALAZZO DELLE BIADE (1273) — PALAZZO DEGLI ANZIANI (1425)

(restauri dal 18T6 al 1888)

atto volle darsi inizio al Palazzo; il G-hirardacci 2 scrive che con esso volle solennizzarsene il com-
pimento, da ultimo l'Alidosi, 3 che a me pare in questo caso il più attendibile, scrive che in quel-
l'anno si incominciarono i fondamenti non già del Palazzo, ma di una aggiunta destinata ad

1 Bistorta Miscelici bononiensis di fra Bartolomeo

della Vaglinola pubblicata da Lodovico Muratori. Col.

380 D.

2 Ghirardacci. Ristoria di Bologna, voi. II, pag. 149.

3 Alidosi. Instruttione delle cose rotabili di Bologna,
pag. 115.
loading ...