Archivio storico dell'arte — 3.1890

Seite: 212
DOI Heft: 10.11588/diglit.18089.20
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18089.25
DOI Seite: 10.11588/diglit.18089#0225
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1890/0225
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
>

212

NUOVI DOCUMENTI

a d.ta messa Cantata gli si dara il solito. E per la Cera
di d.ta lesta si potrà spendere un anno per l'altro scudi
dodeci, come si e sperimentato che ci uanno, con il pro-
uidimento di più per la cera, che sara necessaria per
tutto l'anno. Li festaroli poi desiderarci che l'ussero dua
sempre dell'Accademia, come più pratici, è questi siano
il s.'"c Cosmo Fancelli Scultore et il S.re Lazaro Baldi
Pittore, quali hanno fatta d.ta festa molti anni, è questi
non si debbino mutare, mentre uiuano, è mentre uogliano
fare, et esercitare tal carica, ò non udendo, ò non po-
tendo ciascheduno di loro, ò tutti dua debbino nomi-
nare uno, ò dua dell'Accademia med.ma di lor gusto
è sadisfattione, è quello giudicheranno più habile, et à
proposito, et à questi festaroli prò tempore gli si dara
scudi cinque, et anco dua scudi per poter pigliare fiori
mancandoci, è uerdura per metterla conforme al solito
accio gli seruino nella festa di S. Martina per far cola-
tione, ò altro che a loro più piacera, è questi gli saranno
dati dalli S.™ Deputati., o Sig.re suo Esatore della d.ta
Gong.ne senza ricercar altro, quali Sig.ri Deputati, ò
Sig.re Esatore potranno anco pagare festaroli, facchini,
ù pagare altre spese necessarie per d.ta l'està conforme
al solito.

Jtem lasso, che si facci la festa di S. Lazaro Pit-
tore, che uiene alli 22 di Genaro con messa Cantata, è
suo Vesporo con musica, che in tutto si potrà spen-
dere scudi quindeci m.ti è qualche altra picciola spesa
necessaria conforme meglio giudicheranno li Sig.ri De-
putati della d.ta Cong.ne

Item lasso à Luca Berettini, come a mio prossimo
parente tutti li miei mobili esistenti in Cortona liberi,
et anco li stabili patrimoniali pure esistenti in Cortona,

0

ò suo territorio, mentre uiue è doppo la sua morte à
Lorenzo Berettini suo fratello se sopraniuera di poi la
morte loro, dico de beni stabili, alla loro sorella Monica
nel Monastero di S. Girolamo di Cortona dette le Po-
uerelle, eccettuato il campo delle piagge, quale lasso
libero alle heredi di mia Madre, che di presente godano
i frutti di d.to campo, con obligo à chi di loro posse-
derà d.ti beni stabili, che facci celebrare dodeci messe
l'anno nella Chiesa di d.to Mon.ro di S. Girolamo nel
giorno della festa di S. Martina, è doppo la loro morte
è di loro sorella restino d.ti beni stabili alle Monache
di d.to Mon.ro di S. Girolamo con obligo di far cele-
brare le d.te dodeci messe nella loro Chiesa di S. Gi-
rolamo nella festa di S. Martina.

Item oltre li soprad.ti luoghi de monti, è mobili at-
tribuiti da me, come sopra alla Santa et alla di lei
Chiesa, è confessione, gli lasso ancora la Casa, doue
habito con il suo giardino, è casa annessa a d.to giar-
dino, et altri beni ancora, che per l'auenire in qual-
siuoglia modo potrebbano a me appartenere ò spettare.

Lasso, è dichiaro herede uniuersale, generale, è par-
ticolare 1 faccio, instituisco, è uoglio, che sia come con
la mia propria bocca nomino la Soprad.ta S. Martina è
sua Chiesa con le solite facuità, è questo uoglio sia
1 Segue in fin di riga la sillaba fae cancellata.

l'ultimo mio testamento, è mia ultima uoluntà è dispo-
sinone riuocando cassando et annullando ogn'altro mio
testamento, Codicillo, ò donatione per causa di morte
et ogni altra dispositione, che hauessi io fatto sino à
questo presente giorno, è questo solo uoglio habbi il
suo effetto, non solo per ragione di testamento come
sopra, ma donatione, causa mortis, et ad pias causas
senza altra insinuatione, qual testamento sara da me
sottoscritto potendo, è consegnato alla presenza di te-
stimonij al Notaro ad effetto di conseruarlo così chiuso
insino al tempo della mia morte, qual seguita ordino
sia aperto, è sia esseguito quanto in esso si contiene
in ogni miglior modo. Qual testamento ancor che non
fusse consegnato al Notaro pur che sia sottoscritto da
me uoglio habbi il medesimo effetto, che se fusse con-
segnato al med.nio Notaro.

Per essecutori del soprad.to testamento, et ultima
mea uolunta lasso l'Eminen.mo Sig.re Cardie Francesco
Barberini Decano del Sacro Collegio è Vice can.ieo di
S. Chiesa come Protettore, è Benefattore di d.ta Chiesa
di S. Martina, e l'Eminen.mo Sig.re Car.le Antonio Bar-
berini come Protettore della Cong.ne di S. Eufemia, et
all'Ili.mi Sig.ri di d.ta Cong.ne di S. Eufemia lasso la cura
principalmente di eleggere li soprad.ti tre Cappellani,
quali desiderarci però, che fussero di buoni costumi, et
vno almeno habile di poter sentire le confessioni, et in
particolare, che non habbino oblighi in altre Chiese,
accio possino con tut'o l'animo seruire alla Chiesa so-
prad;ta di S. Martina; potranno anco eleggere d.ti Sig.ri
di S. Eufemia, i suoi Sig.ri Deputati, li soprad.ti dua
Chierici, quali pero siano è debbano essere come sopra
maggiori di dodeci anni, è non minori.

L'Ili.n»i Sig." poi di d.ta Cong.ne potranno far ri-
scuotere dal loro Esattore (con darli la solita mercede),
i frutti delli soprad.ti luoghi de monti, è pigioni della
(sic) soprad.te case ò altri effetti, è di questi lasso
scudi dodeci m.ta l'anno alla Sagrestitia (sic) di S. Mar-
tina per mantenere, conseruare, rifare, è quello ricer-
cherà il bisogno per le d.te robbe è suppellettile ne-
cessaria alla d.ta chiesa, si spenderanno sei scudi l'anno
per resarcimenti necessarij delli tetti della Chiesa di
S. Martina, come anco dentro la Chiesa se bisognasse
accomodare qualche cosa per mantenerla polita et ac-
comodata sì la fabrica med.ma come anco la Confes-
sione, scale, ò sue Cappelle di sotto, et i tetti delle
soprad.te case ancora, quando ricercherà il bisogno et
ancora scudi uno, è fr. 20 per pulire ogn'anno i marmi
di d.ta Cappella è confessione ad un lustratore, che
sara pero ogn'anno l'istesso quando si porti bene. Il
sopra auanzo delli frutti tanto de luoghi de monti,
quanto delle pigioni delle case soprad.te si potranno
mettere a moltiplico sin che arriuino alla somma suf-
ficiente a poter comprare una casa più uicina, che sia
possibile à d.ta Chiesa di S. Martina per habitatione
di d.ti Cappellani 1 e dui Chierici bisognando.

1 Cappellani ripetuto un'altra volta al principio della riga
seguente.
loading ...