Archivio storico dell'arte — 3.1890

Seite: 299
DOI Heft: 10.11588/diglit.18089.32
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18089.37
DOI Seite: 10.11588/diglit.18089#0312
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1890/0312
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
NUOVI T)(

prò huiumosdi fabricis exacte pervenerunt quique easdem
pecunias dispensarunt computa revideant In hac etenim
causa nondum ab aliquo est nobis satisfactum integre.
Si vero predictis Marino et Ioanni antonio circa huius-
modi revisionem opus esset aliquo favore, fraternitati
tue committimus ut eisdem faveat assistat compeliatque
quoscumque ad quos videlicet lieo pertinent si opus
fuerit et ab illis Marino et Io. antonio fuerit requi-
sita sul) quibusvis penis et censuris necessariis ad
prefatis commissariis nostris de quibuscumque pecu-
niis occasione predicta tam exactis quam dispensatis
ationem et computa consignandum. Insuper quia com-
pertum habemus. In arce Exina non fabricari prop-
ter magistri baccij pontelli absentiam qui Illius Curam
liabet, ne arx ipsa imperfecta remaneat, volumus ac
fraternitati tue committimus ut dicto baccio prius re-
quisito et infra debitum terminum non comparente prò
dieta fabrica perficienda contrahat et contractum in
publica forma et valida faciat cum magistro paulino
Corradi qui diete arcis perficiende Curam accipiat iuxta
Informationem quam dabit Idem Io. antonius qui cum
sit de mente nostra piene instructus in omnibus que
nostro nomine signifìcabit, eidem fraternitas tua plenam
fidem adhibebit 1 ipsum et suo favore et auxilio pro-
sequetur In hiis (sic) omnibus que per illum iuxta com-
missionem a nobis habitam Circha (sic) beneficium seu
provisionem faciendam prò ecclesia belfortis peragenda
erunt prout et ab ipso Io. antonio fraternitas tua dis-
stintius persapere poterit In contrarium facientibus non
obstantibus quibuscumque. Datum Rome apud Sanctum
petrum sub annulo piscatoris die nijta maij 1492 pon-
tificata nostri anno octavo.

Io[annes] pe[trus] Arrivabenus 2.

applicate nella provincia della Marca pagasse a quell'artista/a&ri-
eatori arcis ofjìde id quod sibi deb etur prò ipsafabrica (Tomo 3°
carta 65 b Coli. cit.). 2° Da una dimanda diretta il 21 giugno 1493
dal medesimo Bartolomeo a Riccardo Cecumo Vice-Tesoriere
della Marca insieme con una lettera spedita il 10 dello stesso
mese dal surricordato Cardinal di S. Giorgio e portante l'ordine
di pagare allo stesso Bartolomeo 1540 ducati da 60 baiocchi cia-
scuno, non che altri 53 baiocchi in compimento dei 6555 ducati
simili e dei bolognini 20 costituenti insieme 1* importo totale del
lavoro da lui fatto, pel quale, fino allora, gli si erano dati soltanto
5014 ducati simili e 27 bolognini (Ivi a carte 77 be 78 a).

Lascio ad altri la cura d'indagare se debba ascriversi o
no a Baccio Pontelli anche il merito di aver diretto il restauro
della Rocca di Montefiorino in Romandiola, ossia in Romagna;
a cui proposito il 23 maggio 1489 dal surripetuto Cardinal di S.
Giorgio seri ve vasi da Roma a Nicolò Calcagni Tesoriere della
Marca : adhibitis vobiseum aliquibus arlis J'abriee magistris in
p.ffed a pronidere curetis quod arx ipsa in partibus magis rui-
nosis reparetur et aptetur (Tomo 2° Colle/., cit.) Cotale restauro
tu condotto a termine nel 1491 colla spesa di 5423 fiorini la quale
trovasi registrata in due differenti liste, runa di K." 4930 e l'altra
di F."1 493 (Ivi a carte 266 6 e 269 a).

1 Dopo questa parola adhibebit pare che debba porsi o un
punto e virgola o due punti ; poiché colla parola ipsum inco-
mincia un altro argomento.

Di questo Segretario d'Innocenzo Vili scrisse Filippo BO-

LLIMENTI 299

V.

1494. Marzo 24 da Roma.

'Breve del Pontefice Alessandro VI col quale si or-
dina al Tesoriere della Provincia della Marca Anconi-
tana di sequestrare un fondo situato nel territorio di
Osimo appartenente a Baccio Pontelli fiorentino, per
garantire i costui creditori e fra essi principalmente la
Camera Apostolica dalla quale al medesimo Baccio si
era per lo innanzi ceduto.

Biblioteca suddetta — Collezione citata, l'omo 3°,
carta 103 a.

Inedito.

Dilecto filio Thesaurario provincie nostre Marchie
Anconitane.

Alexander papa VI

Dilecte fili salutem et apostolicam benedictionem In-
telligimus dilectum filium baccium pontelluin tìorentinum
debitorem esse Camere nostre Apostolice ac aliis pri-
vatis personis in diversis pecuniarum summis: dubita-
turque an bona sua prò satisfactione huiusmodi debi-
torum nisi aliter provideatur sufficiant. Quapropter nos
volentes indemnitati prefate Camere aliorumque Credi-
torum oportuno remedio providere tibi per presentes
Committimus et mandamus ut diete Camere et Credi-
torum nomine auctoritate nostra quoddam tenimentum
in territorio Civitatis auxiini quod idem Baceeius a pre-
dieta Camera habuit penes te in depositum aut seque-
strimi eapias, ut quatenus mediante lustitia ipsum bac-
cium debitorem esse declarabitur, nisi aliter satisfaciat,
inde bine partem tam Camere quam aliis Creditoribus
satisfieri possit. Datum Rome apud Sanctum petrum
sub annulo piscatoris die xiiij Martii 1494 pontificatus
nostri anno secundo. 1

B. Floridus. 2

nautici nell'indice del suo libro De Claris Pontijiciarum Epi-
stolarum Seriptoribus : « Ioannes Petrus Arrivabenus Mantua-
« nus. Huius etsi nulla in Dialogo mentio, tamen eius cum doc-
« trinae laude meminerunt Politianus, Aeneas Sylvius, Baptista
« Mantuanus. Obiit Episcopus Urbinas. »

1 Questo importantissimo documento che ci rivela il povero
stato economico in cui negli ultimi suoi anni versò Baccio Pontelli
(della cui agiatezza per la importante carica che esso sostenne
e per la singolarissima abilità nell'arte che possedè, nessuno fin
ora può aver avuto ragionevol motivo di dubitare) ci fa noto al-
tresì come, contrariamente a quanto fin qui è stato supposto
circa la durata della sua vita che niuno ha osato protrarre oltre
il 1492, il comune giudizio di coloro che si sono occupati di
lui, anche per questo riguardo, sia andato lungi dal vero.

2 Bartolomeo Florido Arcivescovo di Cosenza; il quale, se-
condo che ne scrisse Filippo Bonamici nella sua opera De Claris
Pontiftciarum Epistolarvm Seriptoribus « ab Alexandre Sexto
« suas ad epistolas conscribendas primo adhibitus » non si sa
bene se per propria fortuna o colpa « deinde ab eodem (Alexandro)
« afflictus est miserandura in niodum. )>

Pietro Gianuizzi.
loading ...