Archivio storico dell'arte — 3.1890

Seite: 312
DOI Heft: 10.11588/diglit.18089.32
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18089.37
DOI Seite: 10.11588/diglit.18089#0325
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1890/0325
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
NUOVI DOCUMENTI

uister Danensis Magistri lannis 1 de Vi terbio, et Ma-
gister lacobus Rempiccie, nec non Magister Iacobus de
Sorniona ex una, et Magister Bartholinus de Cuma prò
se ex altera, omnem eornni difFerentiam, questionem et
controversiam, quam habent super compositione inclau-
stri et columnati Ecclesie Sancte Mar;e de Quercu, com-
promiserunt in spectabiles viros Magistrum Nicolaum
Magistri Anthonii muratoris do Viterbio, et Magistrum
Petrum Iacobum de Vent. (?) (sic) Lombardum, tam-
quam in amicos comunes et amicabiles compositores etc. ;
dantes uni parti et alteri auferre etc., sub pena XXV du-
catorum auri, prò medietate parti observanti, et alia
inedietas Camere Apostolice applicanda, et promiserunt
non appellare a judicato ipsorum etc., sub dieta pena etc.

XV.

1481, settembre 25.

Archivio sudd. Protocollo II degl' istromenti rogati
dal Notaro Girolamo Erculei, ad annum.

Maestro Ambrogio di Marco da Milano fabricatore
del campanile di S. M. della Quercia, ottiene licenza
da Domenico e Stefano Cordelli di trasportare dalla
cava d' Arcione i conci e i sassi occorenti per la fab-
brica suddetta.

Die XXV Septembrig.

Dominus Dominicus Sei' Thome de Cordellis de Vi-
terbio, tam suo proprio nomine, quam vice et nomine
Stefani sui fratris carnalis, prò quo etiam de rato pro-
niisit... dedit licentiam et potestatem Magistro Ambrosio
Marci de Mediol ino, habitatore continuo Viterbiensi,
portandi et ducendi lapides et saxa lapidicinis ser
Mathei Ser lannis lacobi Mazatoste de Viterbio, extra
posessionem et extra fundum ipsjrum Domini Dominici
et Stephani, de loco et per locum dicti fundi, videlicet:
per viam existentem juxta quamdam caduta (sic) fos-
sati Arcionis etc.; 2 dictasque lapides et saxa cum bu-

1 II Notajo deve di certo aver errato per inavvertenza, nel-
l'attribuire a Maestro Danese una paternità diversa dalla vera ;
anzi, diversa da quella datagli da lui medesimo in un altro istro-
inento di lodo, reso dagli stessi Danese e Giacomo di Rempiocia
li 30 ottobre 1178, nel quale scrisse a dovere : Nos Danensis Ma-
gistri Ceeehi eec. (V. Protoc. del sud. Not. ad annum).

2 Questa contrada d'Arcione, a meno d'un chilometro dalla
città, era anche detta, fin da tempi remotissimi, Ponte Foffiano,
da un Vico di tal nome che vi si era stabilito prima dell'anno 790.
(Vedi docum. n. 00, 172, 259, 329 e 392 del Reg. Farjense, pub-
blicato da Giorgi e Balzani, Roma 1879, voi II e III). È da quel
luogo che furono cavati; le colonne, i conci ed i sassidi peperino
(necrolite di Brocchi) impiegati nella fabbrica di S. M. della Quer-
cia. Il Cronista Della Tuccia, che chiama quel sito Ponte Pos-
siano, dice: Erasi ordinato di edificare la Chiesa grande di
detta Madonna ; però fumo portate 8 colonne di pietra grande
e altre pietre per tale edi lìtio, quali fan, o lenati da sassi gran-
dissimi che, stavano sotto Ponte Possiano (op. cit., pag. 99). Al

falis, hominibus et aninialibus posse ducere et trahere
ad Sanctam Mariani de Quercu, et ad alia loca etc*.,
duraturam usque ad beneplacitum dictorum Dominici
et Stephani etc.

(Completiamo questo documento colla chiusa di altri
due istromenti di quel tempo, i quali ci dicono espli-
citamente che il detto Maestro Ambrogio era il fabri-
catore del Campanile).

1483, die VII septembris.

Arcliiv. sudd. Protoc. del Not. Tommaso de Vel-
trellinis c. 153.

Actum est hoc (instrumentum) in Ecclesia S. Marie
de Quercu posita in Agro Gratiano, ante altare ma-
gnimi devotissime Virginis Marie, presentibus pruden-
tibus viris Magistro Ambrosio fabricatore Campanilis,
et Magistro Petruccio Iuxarelli vasario, testibus etc.

1483, die Vili septembris.

Archiv. sudd. Protoc. del Not. Tommaso di Andrea
c. 53.

Actum est hoc in Ecclesia S. Mar'e de Quercu,
presentibus Magistro Ambroxìo fabricatore campanilis,
Domiiiico Blaxii Alexandrine Aromatario, Paulo Pieri
Antonii et fratre Iohanne Baptista de Senis Ordinis
Predicatorum, testibus etc.

(Che poi il campanile si costruisse già dal 1481, ci
viene provato da quest'altro documento; avvertendo che
la venuta di Sisto IV alla Quercia, della quale si parla
nel documento stesso, accadde il 10 ottobre di quel-
1' anno).

1483, die XVI Martii.

Archivio del Comune, Lib. Re format. Voi. XXI.
c. 226.

Congregata et cohadunata Societate gloriose Virji-
nis Marie de Quercu... spectabilis vir Ser Thomas de
Veltrellinis fecit infrascripta proposita.... Primo etc.
Secundo etc. Tertio. Sanctissimus Dominus Noster, cum
esset in Cappella Virginis Marie de Quercu. ultra
concessionem plenarie indulgentie, promisit contribuere,
aut in complemento campanilis, aut i : supercelatu Ec-
clesie, aut in pavimento. Verisimile est, quod, postquam
promiserit et illustraverit omnes fere Ecclesias Urbis,
quod magnani et amplam faciat elemosinam Ecclesie
Virginis de Quercu, que est insignis domus sue Sancti-
tatis etc. 1

1511 si seguitava ancora a trarre pietre da quelle cave. — 1511,
a dì 30 luglio. Pagate a Pier Domenico Scalpellino per 343 piedi
ili bastoni di pietra lavorata al Ponte Achufflano... etc. (Libro
della Fabbrica n. >16, c. 101).

1 Questo documento ci rende necessario riferire la seguente
Bolla di Sisto IV, data in occasione della sua visita alla Quercia:
qual Bolla, che non dovette essere di lieve impulso ai lavori, ci
l'i conoscere i progressi fatti a quel tempo dalla fabbrica. — Sixtiis
Episcopus etc. universis et singulis Christi fidelibus presentes li-
loading ...