Archivio storico dell'arte — 3.1890

Seite: 344
DOI Heft: 10.11588/diglit.18089.32
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18089.40
DOI Seite: 10.11588/diglit.18089#0357
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1890/0357
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
CRONACA AUTISTIC

A CONTEMPORANEA

dell'Andreoni di Roma, le terrecotte artistiche del-Ser-
rano, le statue in legno del Toso e del Guetta di Ve-
nezia, e diversi busti e statue in marmo e in bronzo
degli artisti milanesi Argenti, Astorri, Branca, Corbetta,
Lombardi ed altri e del fiorentino Antonio Frilli.

Le sculture in legno del Besarel di Venezia, le
statue del Lapini di Firenze, le ceramiche e i bronzi
artistici dei Cacciapuoti, dei Tadolini, del De Angelis:
le pitture di Bottero, Gradi, Todeschini, Nono, Berti,
Boi, Zanetti ed altri, completano l'insieme di questa
mostra italiana che nella capitale della Scozia rappre-
senta cosi degnamente le forze vive artistiche del nostro
paese.

— Anche la piccola città Svizzera d'Yverdon, nel
cantone di Vaud, ha inalzato il suo monumento a
Enrico Pestalozzi, che ebbe quivi i natali, e che divenne
celebre come grande educatore e insegnante. A tale
avvenimento non è rimasta estranea la nostra scuola
comunale, che appunto porta il nome di Pestalozzi, il
direttor della quale, cav. F. Di Donato, ha inviato al
Comitato di quel monumento un bel telegramma di
omaggio e di saluto.

— Il monumento di Pestalozzi, che ha figurato già
molto onorevolmente alla ultima esposizione universale
di Parigi, è opera dello scultore svizzero Carlo Adolfo
Lanz, lo stesso che ha inalzato a Ginevra la bella statua
equestre del generale Dufour. Il Pestalozzi è rappresen-
tato in piedi in atto di spiegare con un sorriso di be-
nevolenza a due fanciulli di diverso sesso che gli stanno
vicini la necessità dello studio e del lavoro per chiunque
voglia onestamente vivere al mondo. L'aria di bonarietà
che spira dall'aspetto del celebre educatore, la grazia
infantile della bambina che si aggrappa alla sua gamba
destra, guardandolo in viso, la posa naturalissima del
fanciullo più grandicello che, tenendo aperto un libro,
pende dal labbro del maestro, formano un insieme così
vero, così grato all'occhio e così artisticamente ben
disposto che non si può fare a meno di riconoscere
nel suo autore un artista di eccezionale valore.

— A Modena si è inaugurato il monumento a Vit-
torio Emanuele, inalzato nella piazza Garibaldi, e che
si deve al distinto artista prof. Giuseppe Gibellini mo-
denese. La inaugurazione si è compiuta con tutta la
solennità consueta di simili cerimonie, alla presenza di
He Umberto e del Principe di Napoli, i quali ebbero
per l'egregio autore del monumento cortesi e meritate
parole di lode.

— Qui in Roma ha avuto luogo il secondo concorso
pel monumento da erigersi a Goffredo Mameli. Il Giurì
destinato a giudicare delle opere presentate, ha scelto
per la esecuzione del lavoro il bozzetto del Sig. Lu-
ciano Campisi. Ha dichiarato secondo, per ordine di
merito, il bozzetto del Sig. Francesco Fasce, al quale
è stato assegnato il premio di L. 500. E il pubblico
è stato ammesso per una settimana a vedere nell'Aula
Consiliare del Palazzo Senatorio in Campidoglio i boz-
zetti, e a prender cognizione degli atti, delle relazioni
e delle deliberazioni del Giurì. Il bozzetto del signor
Campisi componesi di un' ara sostenente un modesto
feretro, sul quale riposa la salma di Goffredo Mameli
nella serena quiete del giusto. Il panno di una bandiera
copre a metà 1' estinto soldato-poeta. Ai lati dell' ara
stanno scolpite una spada e una lira. Come si vede il
monumento è semplicissimo; ma è appunto questa sem-
plicità ■ che lo rende pregevole sopra tutti gli altri.
Infatti nessuna osservazione, eh' io sappia, si è elevata
contro la opportunità della scelta del bozzetto vinci-
tore, o circa la regolarità dell' operato del Giurì. Lo
che del resto trovasi naturalissimo, quando si abbian
presenti la competenza e la onorabilità dei personaggi
dei quali il Giurì era stato composto.

C. GALEAZZr

Aprile - Luglio 1890.

N.B. La cronaca precedente venne per errore indi-
cata come appartenente al bimestre Marzo-Aprile, men-
tre apparteneva invece al bimestre Febbraio-Marzo.

Per i lavori pubblicali nelVARCHIVIO STORICO DELL'ARTE sono riservati tutti i diritti di

proprietà letteraria ed artistica per l'Italia e per l'estero.

Domenico G-noli, Direttore responsabile
loading ...