Archivio storico dell'arte — 3.1890

Seite: 348
DOI Heft: 10.11588/diglit.18089.41
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18089.42
DOI Seite: 10.11588/diglit.18089#0361
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1890/0361
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
GUSTAVO FRI ZZO NI

Seconda sala.

Non solo i quattro lati ma anche alcuni tramezzi vi si veggono rivestiti di quadri d'ogni
genere e d'ogni scuola. A questi si aggiungono oggetti svariati di antichità. Se l'amatore difficil-
mente potrà trovare che la quantità vi compensi la qualità, pure non deve passar oltre senza

BENEDIZIONE DI FRANCESCO I
(scultura lombarda del sec. xvi)

convenire che ben parecchi capi nel gran numero hanno un reale valore artistico relativamente
al genere cui appartengono.

Seguitando colle sculture, quella ch'è più degna di attirare la contemplazione d'ogni buongu-
staio il più raffinato si è un altro rilievo di marmo, dove sopra un fondo di color turchino cosparso
di stelle dorate si stacca un'austera e nobile mezza figura di Madonna che tiene sopra un para-
petto il Bambino Gesù in atto di benedire un devoto che sorge dalla spalla in su a mani giunte.
E probabilmente il committente dell'opera, ed osservandone bene i tratti non esitiamo a confer-
mare l'opinione che vi siano effigiate le sembianze note di Francesco I di Francia, vestito di maglia
di ferro e coronato il capo da un leggero cerchio accennante ad una corona ornata di gigli. Se
loading ...