Archivio storico dell'arte — 4.1891

Seite: 17
DOI Heft: 10.11588/diglit.18090.3
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18090.5
DOI Seite: 10.11588/diglit.18090#0047
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1891/0047
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L'ABBAZIA DI SAN CLEMENTE A CASAUIUA

17

nel 1104. Grimoaldo costruì l'altare, e poscia Gualterio, vescovo di Yalva, per invito dell'ab-
bate ripose nell'altare il corpo di san Clemente, fuorché una particella che si conservò in un reli-
quiario argenteo; e l'altare fu chiuso e suggellato col piombo e col ferro.1

Nell'anno 1105 se ne fece la dedicazione, dopoché pure, scavata la mensa, vi furon deposte
altre reliquie di santi colla scritta indicante il fatto.

L'abbate Grimoaldo non tralasciò mai di pensare al decoro della chiesa e del monastero.

« Fecit namque a septentrionali parte monasterii juxta latus ecclesie palatium ad habitatio-
nem abatum, et cameras ad deponendas res et substantias monasterii, quod palatium uariis picturis
et quibusdam ystoriis de ueteri testamenti (sic) decorauit. Fecit crucem argenteam appendentem
quindecim libras argenti que a sinistris cliori ante altare fìxa ob reuerentiam dominice passionis
a populis debita ueneratione coleretur ; fecit et calicem aureum appendentem libram auri puris-
simi in quo misteria dei magnis festiuitatibus efficerentur. Fecit et testum (textum) argenteum,
quod expanderetur uel aperiretur super altare dominicis diebus et in festis sanctorum. Crucem
uero magnani quam Gilebertus abraserat argento, ymagine ac passione saluatoris depingere simul
et decorare fecit ». 2

L'abbate Gisone, eletto intorno al 1113, edificò la sacrestia,3 ed ebbe cura di rinnovare i
libri, cioè le omelie, i passionari, le esposizioni dell'altare e gli altri codici ecclesiastici; intorno
alle quali opere lavorarono i tre monaci Giovanni, Mauro ed Oldrio. 4 Dopo 15 anni, 5 mesi e
26 giorni d'abbaziato, Gisone morì « sepultusque est in claustro a parte sinistra egredientibus
inde ecclesia».5

Il re normanno Ruggero protegge il convento, onde l'abbate Oldrio, succeduto a Gisone, potè
dedicarsi al decoro della chiesa, a far libri, a comperare ornamenti, ad ampliare le abitazioni. 6
« Perfecto itaque palatio prò aduentantium susceptione, cum cellario et ceruinaria, continuo cam-
panarium edificare cepit, fundauitque eum in anno dominice incarnationis MCXLYI. Et per anno-
rum domini sequentium curricula MCXLVII, MCXLV1II, MCXLVilli, MCL, MCLI erexit illud
in altitudine passuum undecim. Renouauit altaria que non uetustate consumpta sed humili cemento
fuerant fabricata, unum in honore sancti benedicti, Alterum uero in honore omnium apostolorum,

et ea solemniter fecit dedicari Dodo ualuensis (episcopus) altare sancti benedicti dedi-

cauit, Grimualdus pinnensis sanctorum apostolorum, easque reliquias in eis posuerunt, que in prio-
ribus altaribus posita fuerant».7

Morto l'abbate Oldrio nel MCLII, il monastero restò per alcun tempo senza rettore e poscia
in balìa delle diverse volontà del conte di Manuplello, Boamondo, dei papi Eugenio e Anastasio e
del re Ruggero; finché, morto il conte e Anastasio e Ruggero, e succeduti ai due ultimi Adriano IY
e Guglielmo, il monastero ebbe pace e potè essere eletto nel 1155 Leonate, al quale erano state
sempre rivolte le aspirazioni de' monaci. 8 Corse allora un tempo assai propizio alla grandezza del
monastero, e mentre tanto re Guglielmo quanto i papi andavano a gara per accordare ad esso con-
cessioni e privilegi, ed i privati per far donazioni, l'abbate Leonate dava prova di un'attività e di
una intelligenza meravigliose. Egli, dopo di aver costruito oratori, consacrate molte chiese, rin-
novati altari e cappelle; dopo di aver accresciuto la potenza del suo sodalizio; d'essere stato

1 Cfr. Ma. fol. 240 v; Muratori, op. cit. pp. 876, 877.

2 Cfr. Ms. fol. 242 r; Muratori, op. cit. p. 877.
Cfr. Ms. fol. 243 v. « Ipse edificauit domum que

sacrastaria apellatur inque thesauri et ornamenta ec-
clesie conseruantur ». Cfr. Muratori, op. cit. p. 879.

4 Cfr. fol. 244 r. « Eodem preterea tempore ipso do-
mino Gisone abbate amminiculante grande studium erat

et i)imia exercitatio in piscariensi monasterio a fratri-

bus de renouandis libris, videlicet Omeliis, passionariis,

Altaris expositionum (s?'c), et ceteris ecclesiasticis co-

dicibus. In quo scribendi studio precipui erant domnus
Archivio storico dell'Arte - Anno IY, Fase. I.

Iohannes, uir litteratus et honestus de cuius scientia et
grauitate et monasterium est augmentatum, et bonum
exemplum posteris est traditum, et domnus Maurus de
quo superius loquuti sumus, et domnus Oldrius qui in
hac arte nimis erat assiduus ». Cfr. Muratori, op. cit.
p. 880.

5 Cfr. Ms. fol. 245 v ; Muratori, op. cit. p. 883.

6 Cfr. Ms. fol. 249 r ; Muratori, op. cit. p. 892.

7 Cfr. Ms. fol. 250 v ; Muratori, op. cit. pp. 892, 893.

8 Cfr. Ms. foli. 251 v e 252; Muratori, op. cit. pa-
gine 293-296.

3
loading ...