Archivio storico dell'arte — 4.1891

Seite: 31
DOI Heft: 10.11588/diglit.18090.3
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18090.5
DOI Seite: 10.11588/diglit.18090#0061
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1891/0061
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L'ABBAZIA DI SAN CLEMENTE A CASAURIA

31

dado ne sopporta un altro più piccolo col simbolo d'uno de'quattro evangelisti, più o meno ro-
vinato dal tempo.

La figura rastremata all'insù formata dal doppio dado, la quale, uscendo da ciascun pe-
duccio degli archi, lega questi in bel modo fra loro, sopporta una colonnina che arriva fino alla
prima fascia sopra le arcate, adorna da doppia fila di palmette molto aggettate e continua a salire
fino alla cornice di coronamento della facciata del portico, ove prende un capitello. Quivi in fatti posa
il peduccio di due fra gli archettini ogivali, i quali si stendono per tuttala cornice, coronati alla
loro volta da un'altra fascia sporgente decorata anch'essa di doppia fila di palmette, sostenuti
da mensole di forme svariate, e aventi nel mezzo ornati fantastici pur differenti.

Nei tre spazi rettangolari lasciati dalle decorazioni accennate, tutti rivestiti di bei conci della
stessa pietra gentile, s'aggettano tre croci.

.mmsi ine.ROMA

CAPITELLO NELL'ATRIO.

Alle tre arcate corrispondono tre grandiose volte a crociera con costoloni smussati agli an-
goli ; e gli archivolti molto sporgenti sopportati dalle colonne interne dei pilastri, e colleganti
questi col muro della fronte della chiesa, ove sporgono altre colonne con capitelli che li sosten-
gono, sono a ferro di cavallo come gli archi delle tre porte che immettono nella chiesa stessa.1
La porta di mezzo, assai ricca di sculture e d'ornamentazioni, è formata da tre archivolti a
ferro di cavallo, l'uno sopra l'altro in modo da esserne ricavata una forte strombatura; quelli più
interni semplicissimi; quello superiore ed esterno, il quale serve di coronamento, sagomato a gola e
decorato di palmette arricciantisi con molto aggetto all'estremità, e d'una fascia ornata di piccoli
rombi ricorrenti. I tre archivolti posano sopra sei sottili colonne, tre per parte, pur esse disposte
a strombatura, con basi romaniche poggianti come il solito su plinti, con capitelli parte a fo-
gliami corinzi, del corinzio convenzionale romanico-francese, parte a figure e mostri dalla testa

1 Giova qui notare che le grandi aperture delle due
arcate di fianco, l'una verso la torre campanaria, l'al-
tra verso il convento, sono state posteriormente ostruite,
e dai muri, che spero saranno presto buttati giù, sono

state coperte le colonne coi loro capitelli decoranti la
parte posteriore dei due pilastri laterali e sostenenti le
arcate stesse.
loading ...