Archivio storico dell'arte — 4.1891

Seite: 77
DOI Heft: 10.11588/diglit.18090.3
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18090.12
DOI Seite: 10.11588/diglit.18090#0109
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1891/0109
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
NECROLOGIA

77

la serietà de' suoi propositi e per la passione che vi aveva posta, riesci valente ed estimato
conoscitore. Fu primo saggio il progetto della facciata del Duomo di Firenze, da lui presentato
in uno dei concorsi: lavoro che senza dubbio risentiva un po1 troppo della sua inesperienza, tanto
che egli stesso soleva mostrarlo dopo agli amici chiamandolo la sua stazione di partenza. Ma
non tardò ad affermarsi coi due progetti per la facciata di San Lorenzo prima, poi con gli altri
due per il completamento della facciata della Badìa di Fiesole, dove con arte felice incorniciò
i vecchi avanzi della facciata dell'undecimo secolo con un partito architettonico rispondente al
carattere generale del monumento; lavoro che gli meritò il premio all'esposizione di Torino
del 1880.

EMILIO MARCITOCI.

Concorse alla facciata del Duomo di Savona, ai monumenti per Vittorio Emanuele a Torino
e a Roma, alla facciata del Duomo di Milano ove, malgrado l'eccessivo sviluppo delle torri, apparve
inteso in modo mirabile il carattere e lo spirito di quel genere di architettura, e ultimamente si
meritò onorevole distinzione a Bologna nel progetto da lui presentato per la facciata di San
Petronio.

Ma troppo lunga sarebbe la serie de' suoi lavori se noi volessimo enumerarli tutti. Non
potremmo però dimenticare gli studi pazienti e amorevoli per la ricostituzione e completamento
del monumento a Bartolommeo Aragazzi in Montepulciano, opera di Donatello e Michelozzo, i
cui pezzi sono tuttora sparsi per il Duomo di quella città, e la ricomposizione del monumento a
Innocenzo Vili del Poliamolo nel San Pietro di lloma. 1

1 Pochi giorni avanti alla sua morte, mi scrisse of- mi mandava una fotografia. Non so se la mia risposta
frendomi per VArchivio il suo studio sulla ricomposizione lo trovasse ancor vivo. Se lo scritto è compiuto, spero
del monumento d'Innocenzo Vili, della quale intanto che potrà esser pubblicato in questo periodico. D. G.
loading ...