Archivio storico dell'arte — 4.1891

Seite: 78
DOI Heft: 10.11588/diglit.18090.3
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18090.12
DOI Seite: 10.11588/diglit.18090#0110
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1891/0110
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
78

NE CINOLOGIA

E mentre per la città e fra gli amici si spargeva la triste nuova della immatura fine di lui,
quasi contemporaneamente usciva nel fascicolo dei Bicordi di Architettura il suo progetto per il
completamento e restauro della chiesa di San Casciano nel Pian di Pisa, opera nella quale si
rivela mirabilmente la serietà e la profondità de'suoi studi e l'amore che in ogni suo lavoro
portava.

Fu ispettore dei monumenti della provincia di Firenze per molti anni, e ne fu tolto imme-
ritatamente, in seguito a dissensi artistici intorno al restauro di una delle nostre chiese. Pur
troppo fu dimostrato in seguito quanto egli fosse per le sue convinzioni e affermazioni più degli
altri nel vero! E il suo ingegno avrebbe potuto dare frutti anche maggiori, se quel desiderio di
scrupolosa esattezza, quella incontentabilità dell'opera propria che erano le caratteristiche prin-
cipali del suo temperamento non gli avessero tarpato le ali a più facili successi. E per questo che
di lui VArchivio storico non ha mai potuto pubblicar nulla, sebbene sempre lo si trovasse animato
dalle migliori disposizioni: ma prima che soddisfar gli altri l'opera sua doveva contentar lui: ed
era tanto incontentabile! Ai primi dello scorso dicembre mi scriveva:

« Nello studiare il coro della Pieve di San Casciano presso lavacchio, mi son trovato a
portare un pezzo avanti un vecchio mio studio su quei cori che prima del xvn sesolo occupa-
vano tanta parte della navata principale delle chiese pisane e lucchesi non solo, ma di molte
altre ancora. E ti dirò anche che il coro del Duomo di Pisa, il quale sino a qui si credeva che
fosse sotto la cupola, era invece al termine della navata maggiore. Il transetto era tutto libero
come è ora. E si capisce benissimo che, mentre infuriava l'incendio, il quale cominciò, come ricor-
derai, dalla facciata, cercassero subito, dopo aver messo in salvo il Sacramento e la Madonna di
sotto gli organi, di sconficcare e portar via le tarsie del coro, per impedire che i travi in fiamme
che cadevano in chiesa, o venivano sempre più avvicinandosi alla cupola, non bruciassero quelle
opere di legname».

E questo studio avrebbe in questo periodico vista la luce se la morte a un tratto, e quando
ancora egli poteva esser utile coli'opera e col consiglio a quell'arte alla quale tutto se aveva
consacrato, non ce l'avesse disgraziatamente rapito.

I)i lui non può dirsi come di molti: fu amato da tutti. Ebbe, nell'arte s'intende — perchè
come uomo t itti eran concordi nell'apprezzarne le qualità del cuore e della mente — avversari
e non pochi, i quali sarebbero stati verso di lui più benevoli se l'avessero più intimamente cono-
sciuto e avessero voluto o saputo trovare scusa agli impeti di lui nel carattere franco e aperto
e nella interezza della sua coscienza. Pochi e saldi amici furon però consolazione e conforto nelle
amarezze che molte dovette sopportare durante il corso della sua artistica vita: ma a questi
amici, or che la morte ha fatto tacere i fuggevoli dissensi, oggi, tutti gli studiosi e gli amanti
delle artistiche memorie si uniscono per mandare 1' ultimo saluto alla tomba così presto dischiusa
dell' uomo, dello studioso, dell' artista.

Firenze, 10 gennaio 1891.

T. Benvenuto Supino.
loading ...