Archivio storico dell'arte — 4.1891

Seite: 116
DOI Heft: 10.11588/diglit.18090.13
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18090.16
DOI Seite: 10.11588/diglit.18090#0148
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1891/0148
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
in;

<; iirr.ro carotti

l'oratorio della Misericordia in Firenze, la quale ha analogia con questa di Arezzo e tutte e due
ne hanno ben più col lavabo di Prato che non colle opere certe di Andrea e colle opere certe
di Giovanni. Senza pretendere che qui trattisi di uno stesso autore (ed invero gli artisti che
oprarono nelle botteghe dei Della Robbia furono molto numerosi), si può presumere che il la-
vabo sia opera di un giovane artista, assai più vicino ad Andrea Della Robbia che non al figlio
suo Giovanni e che dalle opere di questi fu tratto ad accrescere la coloritura della sua terra in-
vetriata; di un artista che curava assai l'euritmia della sua composizione, ed essendo di senti-
mento dolce e contemplativo, guardava le opere dei puristi in tempi in cui l'arte volgeva alla
grandiosità e imponenza dello stile.

Giulio Carotti.
loading ...