Archivio storico dell'arte — 4.1891

Seite: 179
DOI Heft: 10.11588/diglit.18090.24
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18090.27
DOI Seite: 10.11588/diglit.18090#0211
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1891/0211
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
MAESTRO ANTONIO DI VINCENZO ARCHITETTO BOLOGNESE

179

Su certi nomi pare che gravi come una fatalità storica. I)i M. Antonio si smarrì presto il
ricordo, tanto che nel secolo xvi già l'oblio potè dirsi completo, perdurando fino allo scorcio
del 1700 in cui il suo nome ritornò in luce. Pochi anni sono trascorsi dalla rivendicazione del
campanile di San Francesco allo stesso autentico costruttore e ispiratore. 1 E quindi da augu-
rare che qualche altra fortunata scoperta riveli nuovi fatti e nuove prove onde completare le
notizie su questo artista insigne, che ha legato il suo nome al documento più ragguardevole
della storia politica ed artistica di Bologna.

Angelo Gatti.

1 Fu scoperto dal cavaliere Alfonso Rubbiani. Vedi La chiesa di San Francesco di Bologna, Bologna, Za-
nichelli, 1886.
loading ...